giovedì 21 agosto 2014  
HOME | PERFORMANCE | LAST DANCE - Chiude il PLASTIC di Milano, ma non può morire un'idea
LAST DANCE - Chiude il PLASTIC di Milano, ma non può morire un'idea PDF
Sabato 10 Marzo 2012 23:38

LAST DANCE

Last dance, so let’s dance[1]: chiude stasera il Plastic di Milano, ma non può morire un’idea[2]...

di Fabiola Triolo

 

Plastic, House of BordelloDa quelle parti, stanotte, c’è chi farà i bagagli, e le stelle suoneranno forte come tanti sonagli[3].

È l’ultimo weekend in cui va in scena lo sfavillante microcosmo del Plastic, il locale milanese che ha scritto a lettere d’oro la storia del clubbing come cultura, non solo in Italia, ma nel mondo intero.

Un locale sulle cui piste hanno ballato indistintamente Grace Jones e Madonna, Boy George e Vincent Gallo, Maurizio Cattelan, Francesco Vezzoli, Jean-Paul Gaultier, John Galliano e Keith Haring, quello stesso locale per cui Elio Fiorucci si è battuto strenuamente per esorcizzarne la chiusura, e che Andy Warhol ha definito “the most beautiful nightclub in Europe”.

È possibile sentire tanta nostalgia per un locale nel quale non si è mai stati?

Assolutamente sì.

Perché è lacerante la consapevolezza che quello che sta per andare in scena è l’ennesimo strappo ai danni della cultura.

Plastic, Anna Piaggi, Maurizio Cattelan Plastic, Biraghi e Poli, Slavik e Frentzos, Bisignano e Lea T
in alto: Anna Piaggi, Maurizio Cattelan @ Plastic
in basso: Filippo Biraghi & Andreina Poli, Riccardo Slavik & Angelos Frentzos, Ivo Bisignano & Lea T.

 

Cultura non è solo - a volte, non è affatto - quella pedagogica, ma è anche e soprattutto quel movimento spontaneo che invade frammenti di società, e che determina modi di essere. La cultura è tale perché crea appartenenza e definisce significati, introduce codici e innesca partecipazione; e se queste tendenze si muovono attraverso la ricerca dell’estetismo, la cura delle sonorità, la nascita di nuovi stilemi ed il perseguimento del divertimento, come accade per la clubbing culture, tutto questo non può che rappresentare un valore aggiunto nei confronti della cultura ufficiale - alla faccia sua, mi verrebbe da dire.

Plastic, Francesco Vezzoli e Christian Boaro, Sergio Tavelli e Giambattista Valli

Plastic, Giulia Gobbi, Luca Finotti, Stefania Seoni
in alto: Christian Boaro & Francesco Vezzoli, Sergio Tavelli & Giambattista Valli
in basso: Giulia Gobbi, Luca Finotti, Stefania Seoni
Elio Fiorucci @ Plastic

Plastic, Elio FiorucciIl Plastic chiuderà - nonostante l’affluenza mai in flessione negativa, nonostante un Ambrogino d’oro nel 2010 (che ora ha il retrogusto amaro proprio dei premi di consolazione), e nonostante le cospicue offerte monetarie del proprietario Lucio Nisi - perché è scaduto il contratto d’affitto, e perché gli spazi di Viale Umbria, quella stessa strada nella quale da oggi risuona Bandiera Rossa in segno di protesta, saranno riconvertiti ad uso condominiale.

Chissà se i futuri locatari sentiranno il peso che deriva dall’occupare una superficie che ha fatto storia, allo stesso modo in cui l’ha fatta lo Studio 54 (chiuso, a NY) o il Kinky Gerlinky (chiuso, a Londra).

Nato nel dicembre del 1980 come ghetto per dark e new romantic isolati dalla metropoli non solo durante il giorno, ma anche nella pallida offerta delle notti milanesi, il Plastic ha visto espandere in breve tempo la sua fama ben oltre i confini nazionali, diventando esso stesso fucina di quel fermento creativo che si sarebbe potuto respirare nella Factory warholiana, o nel quartiere di Pigalle nell’Ottocento. Tre salette, perlopiù dipinte di nero (fatta eccezione per il corridoio, ogni anno rivestito di un nuovo pattern optical), ricolme di specchi, lampadari chandelier ed insegne al neon, dove si riversa un pubblico assolutamente eterogeneo e accuratamente scelto da quella sfavillante club celebrity che è Luca Crescenzi (assieme all’altra anima del Plastic, Pinky Rossi, ad Oscar Mamooi e a Roberta Sarchi), la cui cartellina Tu ti faresti entrare? - mutuata da un altro door selector del calibro di James St. James - rappresenta lo scettro del reame Plastic-o.

Plastic, door policy, Luca Crescenzi, Roberta Sarchi e Oscar Mamooi

Luca Crescenzi | Oscar Mamooi & Roberta Sarchi

 

Se Jean Cocteau sosteneva che “le mode muoiono giovani”, il Plastic ha dovuto la sua lunga esistenza al suo carattere innovativo, oggettiva testimonianza di come un club possa influenzare non solo la musica, ma anche la moda e lo stile in tre decenni di storia, come racconta il libro già sold-out This is Plastic. 25 years of hard clubbing (2006).

Plastic, neon lights

 

Dal total black al trucco pesante, dalle collezioni dei designers giapponesi al minimalismo, al tacco a spillo indistintamente indossato da uomini e donne, è frequente trovare al Plastic i più blasonati nomi dell’industria della moda ricercare nuovi spunti (quando non selezionare musica in consolle, come spesso accade per Stefano Gabbana), proprio perché il Plastic è testimone dei gusti dei nightclubbers più meritevoli, favolose tutt’altro-che-nullità calate nel palcoscenico glitterato delle Favolose Nullità di Lee Tulloch.


Plastic, Milano, consolle

in alto: Bianca Weiss Tabaton, Dorian & Nicola Guiducci djing @ London Loves, Plastic
in basso: Sergio Tavelli, Stella, Greta Lamedica & Stefano Gabbana djing @ House of Bordello, Plastic

 

Non a caso, per citare solo l’ultimo anno, al Plastic è stato tenuto il party per il lancio del profumo di John Galliano Parlez-moi d’amour, quello celebrativo di Moschino, ed al Plastic Maurizio Cattelan ha festeggiato l’uscita del magazine da lui curato Toilet Paper, il cui dress-code era ‘demenza senile’.

Plastic, Moschino party, Toilet Paper party

Plastic parties: Moschino, Toilet Paper

 

sx pics: La Stryxia | dx pics: Simon Cuz

Plastic, La StryxiaPlastic, Simon CuzAl Plastic non si prenota, non si fanno tavoli con onerose bottiglie di champagne che non si bevono ma si espongono tipo trofei, al Plastic è impresa ardua entrare per i seguaci della televisione italiana delle 15:00, fieri figli dell’omologazione, e chi parla del Plastic come del tempio della trasgressione non ha capito granché, perché l’unico codice di accesso ad esso è l’originalità, nella doppia accezione di espressione più autentica ed irripetibile di se stessi, e di innovatività.

Sergio Tavelli e Nicola Guiducci, entrambi direttori artistici e djs rispettivamente della House of Bordello (il sabato) e del Match à Paris (la domenica), sono gli altri due componenti fondamentali della allargata famiglia Killer Plastic-o, assieme ai suddetti Lucio, Pinky, Luca ed alla Stryxia, regina incontrastata del sabato notte di un locale, insieme, londinese ma decadente, elettronicamente avant-garde ma goliardicamente trash, capace di custodire ogni definizione congiuntamente alla sua più netta contraddizione, peculiarità propria solo dei posti all’interno dei quali l’unico comune denominatore degli ospiti è il divertimento, all’ombra di quel boogie, sfiniti all’alba cheek-to-cheek[4].

Plastic, Guiducci e Nisi, Tavelli, Guiducci e Pinky

Plastic, Scognamiglio e Dell'Acqua, Humor Chic, Wertmuller
in alto: Nicola Guiducci & Lucio Nisi, Sergio Tavelli, Nicola Guiducci & Pinky Rossi
in basso: Francesco Scognamiglio & Alessandro Dell'Acqua, Humor Chic party, Filippo Wertmuller

 

Marcella Bella @ Plastic

Plastic, House of Bordello, Marcella BellaQuesta le parole di Lucio Nisi: “non sarà più quello l'indirizzo, il posto, lo spazio, il salotto, quel divano.

Quel crocevia di gente, di emozioni.

Finisce qui, in viale Umbria, una lunga storia di successo, di mode e di tendenze, di respiri e di insonnia.

Ma il Plastic cambia sede ma non pelle, cambia look ma non la sua storia; chi ha vissuto il Plastic non lo dimenticherà, chi lo vuole vivere ancora, lo ritroverà”.

Pare in via Ripamonti, pare da Aprile, ma ancora non c’è nulla di ufficiale.

Se non che non può morire un’idea, e che quella di stasera sarà una notte senza pietà, una notte Plastic con un’anima chic[5] per coloro che riusciranno a graziarsi la door-policy e a rendere omaggio ad un tassello brillante della storia del clubbing internazionale.


Giovanni Montuori paying homage to Plastic

Plastic, Giovanni Montuori

 

Quanto a me, non rimarrà altro da fare che aspettare che ritorni, contando tutti i giorni[6].

 

All pics’ credits & courtesy House of Bordello official page & Plastic Fantastic di Riccardo Slavik

Le citazioni presenti nell’articolo sono tutte estratte da canzoni interpretate dalla Stryxia, o suonate da Sergio Tavelli, durante le serate House of Bordello



[1] Last Dance, Donna Summer (1978)

[2] Non può morire un’idea, Mina (1978)

[3] Da queste parti stanotte, Loredana Bertè (1993)

[4] All’ombra di quel boogie, Marcella Bella (1986)

[5] Notte senza pietà, Diana Est (1982)

[6] Dopo la tempesta, Marcella Bella (1988)

 

condividi le tue IDEE
lascia un COMMENTO

avatar Vale
+5
 
 
Bellissimo articolo!!!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Fabiola - redazione SeroxCult
0
 
 
my sweet vale...
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar ANNA DOLCE
+1
 
 
NOoooooooo che brutta notizia la chiusura del Plastic!!! Io l'ho frequentato molto negli anni '80 e non ho mai avuto problemi alla porta, in quanto ad originalità non me la cavavo male, mi vestivo da Buba ;-) e ricordo che al bar c'era Marina la mia preferita!!! Ora vivo a Firenze ma contavo di venirci prima o poi, e se riaprite vi prego, fatemelo sapere, una grande fan..... ciao
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar nik
0
 
 
se ti vestivi da Buba eri un pezzo avanti.....hai nominato il top chic di milano, la tendenza fatta paillette...e potrei andare avanti all'infinito.
I love Buba!!!
I love KILLER PLASTIC-O!!!!!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Luciano
0
 
 
Andai al plastic nel 1981 sono lacky di Como ciao lino bellissimo ......
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Guido
+3
 
 
Complimenti alla scrittura della giornalista
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Fabiola - redazione SeroxCult
0
 
 
Ma che caro, Guido! Grazie!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Loris
0
 
 
Uffa....
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Paolo
0
 
 
un grande e tristissimo Minuto di silenzio
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar francesco
0
 
 
...che fine ha fatto salvatore colui che stava alla porta del plastic?
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Bert
+1
 
 
Da quando si è trasferito, lentamente sta decadendo, oramai si vedono solo ragazzini provenienti dalla provincia. Se n'è andato pure lo storico selector, che alla fine forse ha solo capito che la favola è finita, al posto due.... bè, lasciamo perdere, una pena infinita. Troppo trash, niente a che vedere col Plastic di una volta. Purtroppo nulla è per sempre.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Invia Commento


Condividi
 
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews
VARIE_Milano in panico: si respira VARIE_Milano in panico: si respira
 
Giovedì 26 Gennaio 2012 17:19
BOOK_Maurizio Cattelan - All BOOK_Maurizio Cattelan - All
Domenica 22 Gennaio 2012 22:59
VARIE_Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei
Lunedì 09 Gennaio 2012 14:14
BOOK_Favole al Telefono BOOK_Favole al Telefono
Lunedì 09 Gennaio 2012 13:39
VARIE_Se Steve Jobs fosse nato a Napoli
Domenica 08 Gennaio 2012 18:23
ARTE_Il futuro dell'arte e' donna ARTE_Il futuro dell'arte e' donna
Domenica 08 Gennaio 2012 17:02
ARTE_Come ti attiro il Mecenate ARTE_Come ti attiro il Mecenate
Domenica 08 Gennaio 2012 16:12
INTERVISTE_Being Yoko Ono INTERVISTE_Being Yoko Ono
Sabato 29 Gennaio 2011 16:02
INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion
 
Martedì 25 Gennaio 2011 18:04
MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada
 
Martedì 25 Gennaio 2011 15:06

Ma gay e lesbiche devono avere uno spazio speciale, “diverso”, in un museo? Così pare pensarla lo Smithsonian di Washington, che apre una sezione dedicata alla storia del movimento LGBT

L’ambasciatore USA David Huebner Le Smithsonian Institution, è cosa nota,[…]

Una sitcom da museo

La collezione permanente dello Smithsonian Institution di Washington decreta ufficialmente[…]

Il Gattopardo in 300 scatti

Ciminna, paesino alle porte di Palermo, rievoca i giorni in[…]

Biopic in salsa artistica. È il turno di Yves Klein

Teodoro Gilabert – Blu K. Storia di un artista e[…]

Spettacolo di luci all'Ara Pacis per il bimillenario della morte di Augusto

Lunghe file ieri sera per poter assistere all'Ara Pacis, allo[…]

Mausoleo di Augusto: appalto entro l’anno

Il bimillenario della morte di Augusto, celebrato a Roma con[…]

SCENTS, MAGIC & WONDERS: THE LIQUID TALES BY MEO FUSCIUNI AT THE SALINA CAPOFARO MALVASIA & RESORT

installation by Meo Fusciuni, photo courtesy Meo Fusciuni The poetry[…]

La Grande Guerra dalle Dolomiti alla Galizia, mostra-evento a Moena

Fin dall'estate 1914 furono mandati a combattere (e a morire)[…]