lunedì 22 settembre 2014  
HOME | SCELTE DA SEROX | Book | BOOK_Favole al Telefono
BOOK_Favole al Telefono PDF
Lunedì 09 Gennaio 2012 13:39

THE BOOK IS ON THE TABLE | FAVOLE AL TELEFONO

di Simone Sbarbati

 

Favole al telefono, Gianni Rodari

Ognuno ha quel libro, quello da cui è partito tutto, quello che per la prima volta ha dato un bel calcione a quella pigrona della fantasia e l’ha mandata su, su, tra le nuvole, e lei è ancora lí che vola e non vuol proprio saperne di scender giù.

Quando gli chiedi qual è quel libro, qualcuno ti dirà Il Piccolo Principe e allora ti scapperà uno sghignazzo. Non lo nominano forse tutti quelli che in effetti non hanno letto nient’altro (e a volte neppure quello)? Il più nominato nelle interviste delle celebrities, che il corpo di Antoine de Saint-Exupéry, abbattutto in volo nel ’44 e mai ritrovato bisognerebbe cercarlo tenendo le orecchie ben tese, ad ascoltare il rumore dell’autore francese che si rivolta nella tomba ogni volta che un cretino nomina il suo libro.

Gli anglofili, che vogliono fare sempre quelli un po’ speciali, gli alternativi, loro citano Ronald Dahl, con le sue storie dall’humor un po’inquietante e taglienti come rasoi.

E lasciamo stare quelli che dicono La Bibbia. Ché non c’è davvero bisogno di essere così politically correct da ascoltare tutti e se la tua fantasia ha preso per la prima volta il largo con la Bibbia è probabile che tu sia un malato di mente che ha imboccato già da tempo la strada dell’insanità appiccando roghi sui quali sacrificare poveri insetti prima, gattini poi.

 

Poi ci sono quelli di Favole al telefono.

Loro li riconosci solo se ci abiti insieme e li vedi, la sera, andare a letto, chiudere gli occhi e metter su uno strano sorriso, che è come il cartello non disturbare da attaccare alla maniglia della porta dell’albergo: sono entrati nel loro mondo, se ne stanno lì a fantasticare, un rito quotidiano che perdura fin dai primi Buonanotte della mamma quand’erano bambini. Sono quelli che “non riesco a rilassarmi se non entro per un po’ nel mio mondo”.

Ecco, loro hanno Favole al telefono. E io li invidio a morte.

Perché negli anni sono riusciti a costruirsi un palcoscenico mentale dove mettere in scena, ogni notte, una perfetta via di fuga dal mondo, fedeli ad un copione che non si ripete mai uguale, complesso e minuzioso ma al contempo elastico e vaporoso come una nuvola.

 

Qui in casa ho uno splendido esemplare di questo tipo. Ed io, che invece sono più tipo da Io e il mondo (bellissimo, certo, ma pur sempre un’enciclopedia, e un’enciclopedia può spiegarti cos’è la libertà, ma non regalartene un pezzo bello grande, come invece fa Favole al telefono) mi sono innamorato di lei per la seconda volta dopo averla vista commuoversi, in libreria, quando ha preso in mano il volumetto, ché da bambina ne aveva un’edizione economica un po’ scassata e solo a veder la copertina le sono tornate a mente le storie che il Rag.Bianchi, sempre fuori per lavoro, raccontava al telefono a sua figlia, ma doveva esser breve il ragioniere, che le interurbane mica te le regalavano, e solo qualche volta, se quel giorno aveva guadagnato bene, poteva permettersi qualche parola in più.

 

Poi il libro l’abbiamo comprato e, tornati a casa, ci siamo messi a sfogliarlo: io leggevo i titoli e lei, con gli occhi lucidi, ricordava ogni storia, ce le aveva tutte disegnate in mente (è questa poi la libertà: le parole di Rodari e i disegni di Munari non ti chiudono in un mondo pre-confezionato, ché di dittatori, pure sulle pagine dei libri, ce ne son troppi). Erano quelle le fondamenta del mondo bellissimo e ingenuo che notte dopo notte è cresciuto insieme a lei e dove gioca ancora, quando vuole, a far la lotta con suo fratello, a contar starnuti, a salir su tram che escono dai binari per portarti al parco, invece che al lavoro, e ad aspettar paziente che ogni semaforo diventi blu (che allora con la macchina puoi volare, ma gli automobilisti – e i genitori – non l’hanno mai capito).


Favole al telefono
di Gianni Rodari
disegni di Bruno Munari
Einaudi 2007 | amazon

 

      

 

fonte: Frizzifrizzi

condividi le tue IDEE
lascia un COMMENTO

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Invia Commento


Condividi
 
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews

Fabio Sargentini, un gallerista di frontiera. I Martedì Critici romani ripartono con un grande protagonista dell’arte contemporanea italiana. Stavolta ospiti del Maxxi Base

Fabio Sargentini durante Cannonata – L’Attico, Roma, febbraio 2001 Quinto[…]

Nati con la cultura. Parte da Torino il progetto pilota del “passaporto culturale”: neonati gratis a Palazzo Madama con le famiglie

L’atrio dell’Ospedale Sant’Anna Prima si diceva nati con la camicia.[…]

Si dimette la soprintendente al Polo Museale Fiorentino Cristina Acidini. Alla base del gesto ci sarebbe il suo futuro dopo la riforma Franceschini. Ma intanto trapelano due inchieste a suo carico

Cristina Acidini La notizia è di quelle destinate a far[…]

Arte Povera e Multipli in mostra a Berlino

Nel 1970, quando Giorgio Persano inaugurò la galleria Multipli a[…]

Una piazza intitolata a Mimmo Rotella

Una porzione della nuova Piazza Matteotti di Catanzaro sarà intitolata[…]

La Barcaccia torna a risplendere

Dopo un anno di cantiere, la Barcaccia torna a brillare[…]

Gesuiti maestri di storia e vita

Dal fondatore Ignazio di Loyola a Papa Francesco: la Compagnia[…]

ART & FASHION AT MILAN 10 CORSO COMO: THE MARIPOL’S COLLABORATIVE PROJECT WITH EACH x OTHER

10 Corso Como is the place where I often am[…]