mercoledì 23 luglio 2014  
HOME | SCELTE DA SEROX | Arte | ARTE_Il futuro dell'arte e' donna
ARTE_Il futuro dell'arte e' donna PDF
Domenica 08 Gennaio 2012 17:02

IL FUTURO DELL'ARTE E' DONNA

di Micol Di Veroli

 

Gina PanePoetiche e battagliere, rivoluzionarie, visionarie, mai banali.

Stiamo parlando delle donne dell’arte contemporanea, vere e proprie eroine che hanno cambiato il corso della storia creativa, e continuano a farlo anche in questi ultimi tempi. La forza della donna all’interno del sistema-arte è stata resa oggettiva dalla predominanza di quote rosa alla scorsa Whitney Biennial, ma non è questa l’unica prova della potenza dell’arte al femminile.


L’insostituibile presenza creativa della donna all’interno dell’arte è infatti innegabile. Mi vengono in mente le estenuanti e pericolose prove condotte da Marina Abramovic e Gina Pane, le provocazioni di Valie Export e le trasformazioni di Cindy Sherman, l’attivismo femminista di Carolee Schneemann e l’impegno sociale di Nan Goldin, l’attacco al sistema-arte attuato dalle Guerrilla Girls e la profonda sensibilità di Sophie Calle, la belligeranza di Tania Bruguera ed il fiabesco universo di Pipilotti Rist, ma di esempi da fare ve ne sarebbero ancora moltissimi, infiniti, per così dire.


Ebbene, appurato ciò veniamo al dunque, al nocciolo di questo articolo. Tempo fa mi è stato chiesto di fare alcune previsioni sui futuri protagonisti dell’arte nazionale, ed è da molto tempo che molte testate si interrogano sulla stessa questione. Ovviamente nessuno di noi è dotato della classica sfera di cristallo, ed in passato molti addetti del settore, lanciatisi in improbabili previsioni, hanno dovuto fare i conti con realtà ben diverse da quelle ipotizzate.

Per quel che mi riguarda però, penso che l’arte italica del prossimo futuro vedrà le donne in pole position. Questa previsione - neanche troppo azzardata - deriva da esperienze professionali vissute in prima persona dalla scrivente. L’esercito delle artiste è forte di una maturità duramente acquisita nel tempo e di una sensibilità creativa che non ha nulla da invidiare ai colleghi maschietti. Ma i punti a favore sono tanti, forse troppi per esser ridotti in un semplice articolo.


Il futuro dell’arte è donna - non per far discorsi da femminismo obsolescente, ma perché sono e saranno i fatti a dimostrare tutto ciò.

 

Fonte: GlobArtMag

 

Pic: Gina Pane performing Sentimental Action, 1973

condividi le tue IDEE
lascia un COMMENTO

avatar Valeria
+1
 
 
Sveglia!! Che sono sti commenti stereotipati :-) Cito:
"La profonda sensibilità di Sophie Calle", "L'impegno sociale di Nan Goldin"?? Ma che dici? Per quello che ne so io (poi ognuno può interpretare come crede) mi pare di vedere nei lavori della Calle una analisi della realtà trasfigurata ma neanche troppo, al limite del banale e in quelli di Goldin una trasposizione del suo vissuto e delle sue esperienze affettive e sessuali in immagini (da lì a chiamarlo impegno sociale ne corre). Poi ci sono molte altre non così citate che hanno lavorato molto sulla fotografia sociale d'arte e concettuale..... Cito a memoria: Letizia Battaglia, Paola Agosti, Luccia, Marilaide Ghigliano, Giuliana Traverso, io stessa ho fatto documentazione per 20 anni (foto sociale)... Che dire, meglio approfondire un po', non trovi?
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Invia Commento


Condividi
 
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews

Roberto Fassone e il gioco anti-romantico dell’arte. Opere e appunti da Buenos Aires

C’è qualcosa di speciale ed ineffabile intorno a un’opera d’arte.[…]

Prima edizione  per la Biennale d’Arte Contemporanea di Margherita di Savoia. Ventotto artisti mettono a confronto tradizione e linguaggi contemporanei

Biennale di Arte Contemporanea. Margherita di Savoia – Giuseppe Sylos[…]

Le civiltà del Mediterraneo nell'obiettivo di Mimmo Jodice

In apertura della stagione espositiva 2014-15, Fondazione Fotografia Modena dedica[…]

Un'estate di concerti per salvare la Basilica di San Lorenzo

Dopo le celebrazioni per i 450 anni di Michelangelo, culminate[…]

La Crypta Balbi rivela due nuovi ambienti

Proseguono incessantemente i lavori di scavo nell'area del Museo Nazionale[…]

Il premio Bancarella va a Michela Marzano

A Giuseppe Sgarbi, padre di Vittorio, è andato il premio[…]

A Santarcangelo i Motus esplorano il ‘non luogo' in «Caliban Cannibal», al 44mo Festival anche Danio Manfredini, Fabrizio Gifuni e Claudio Morganti

Il nomadismo, il senso di sradicamento, i paradossi dell'integrazione, sono[…]

Il «Vangelo secondo Matteo» di Sieni alla Biennale Danza

Si entra nella grande sala delle Tese Cinquecentesche dell'Arsenale di[…]