sabato 26 luglio 2014  
HOME | MODA | TONY VIRAMONTES. BOLD, BEAUTIFUL AND DAMNED - Presentazione libro e mostra alla GALLERIA CARLA SOZZANI, Milano
TONY VIRAMONTES. BOLD, BEAUTIFUL AND DAMNED - Presentazione libro e mostra alla GALLERIA CARLA SOZZANI, Milano PDF
Lunedì 28 Ottobre 2013 18:17

L’EDERA DELLA MODA

TONY VIRAMONTES. BOLD, BEAUTIFUL AND DAMNED - Presentazione libro e mostra alla Galleria Carla Sozzani, Milano - fino al 3.11.2013

di Adriano Annino

 

self-portrait of Tony ViramontesNel vuoto lasciato dal crollo delle illusioni, avevo visto sorgere come un edificio il sogno, e poi cespugli carnosi di fiori selvaggi annidarsi fulgidi, nelle crepe delle loro rovine [1]”.

 

Tony Viramontes, Trasgressivo, bello e dannato come - forse riduttivamente, dacché manca l'attributo ‘visionario - dal titolo della sua retrospettiva e del catalogo a lui dedicato (con prefazione di Jean-Paul Gaultier), ha lasciato nei suoi disegni, alcuni dei quali in mostra per la prima volta in Italia, presso la Galleria Carla Sozzani in Corso Como a Milano, i tratti e i ritratti veloci di quell’esigenza, ardente ed insopprimibile, volta a rendere materia e forma ad un’idea segreta di Bellezza, che il mondo della moda (non-così-) spesso tesse in abiti meravigliosi, nei quali, come in uno specchio, pubblicamente riconoscersi e apprezzarsi.

 

Tony Viramontes, opening at Carla Sozzani, with Dean Rhys Morgan and Franca Sozzani

Pic 1, 2_Bold, Beautiful and Damned: opening alla Galleria Sozzani
3_Carla Sozzani con sua sorella Franca e Dean Rhys Morgan, curatore del catalogo

 

Vogue, Le Monde, Marie Claire, Jill Magazine e The Face, i periodici più significativi che lo coinvolgono - con i suoi collage eclettici e multimediali, in netto contrasto con le tonalità pastello che imperversavano negli anni ’70, in commissioni editoriali fino ad allora di esclusivo appannaggio dei fotografi - in un susseguirsi di opportunità che lo inseriscono nell’inquieto mondo della moda e della disco-life degli albori degli anni ’80 - rappresentate dall’estremo perseguimento dell’estetica estrema, e del luminescente eccesso, dello Studio 54 di New York.

 

Tony Viramontes for Gaultier, Lisabeth Garber, and Christine Bergstöm for The Face

Tony Viramontes, Mike Hill on The Face 1985, and with Nina Hagen for German Vogue

in alto: 1_cappello di Jean-Paul Gaultier | 2_Lisabeth Garber | 3_Christine Bergstöm su The Face [1985]
in basso: 4_Mike Hill su The Face [1985] | 2, 3_Mike Hill & Nina Hagen su Vogue Germania [1986]

 

Come Egon Schiele, uno degli artisti a cui si è più ispirato quando era studente d’arte alla Parsons School di New York, Viramontes aveva approfondite conoscenze di anatomia.

Con il suo tratto naturalmente elettrico non aveva bisogno di distorcere linee e forme, ma usava la sua spiccata capacità d’osservazione della realtà come punto di partenza per il suo lavoro.

 

Tony Viramontes for Hanae Mori Fur

Tony Viramontes per Hanae Mori Fur [1985]

 

Cerco nuove idee, perché mi piace essere costantemente in uno stato di ansia creativa e di insicurezza. Se mi sento sicuro, non posso essere creativo”.

Logica tormentata, masochista e perfezionista, in costante tensione nella ricerca della bellezza, che lo portò ad essere un animo condannato, molto più che dannato.

Come Fran Lebowitz ha osservato nel documentario diretto da Martin Scorsese nel 2010, Public Speaking: "quelli che negli anni Ottanta vollero amare la bellezza e il talento più estremo, sono quelli che sono morti”.

 

polaroids of Viramontes crew

Polaroid di Tony Viramontes: da sinistra in alto, Tony Viramontes | Scarlett Napoleon Bordello | Steven Meisel
I modelli di Viramontes con, al centro, Teri Toye | Mike Hill
Iman | China Chow & Nick Rhodes | Janice Dickinson | Paloma Picasso

 

Fotografie e disegni realizzati dal vivo, lanciati veloci alle spalle, perfino calpestati dalla moltitudine che affollava i suoi atelier newyorkese e parigino.

Amici, modelli, clienti, numerosi viaggi nelle capitali della moda, chiamato a ritrarne l’esprit luminoso, quasi in una comunanza di intenti.

 

Tony Viramontes at work, Paris 1980s, corset by Gaultier

Anna Piaggi attending a Viramontes exhibition at Ménagerie de Verre, 1991

1980s: Tony Viramontes al lavoro come fotografo e come stylist nel suo atelier di Parigi
1991: Anna Piaggi ad una retrospettiva dedicata a Tony Viramontes alla Ménagerie de Verre, Parigi

 

Al momento della sua morte, nel 1988, gli era stata offerta la direzione creativa della Goldie, appartenente - come Diesel, Replay, Bo-Bo Kaminsky - al Genius Group di cui per ben due volte curò le avanguardistiche campagne su Vogue.

 

Tony Viramontes, Genius Group campaign, Vogue Italia 1984

Tony Viramontes, adv for Genius Group - Rudy, Walter, Scarlett, Mimi, Ben and Violeta - 1985

in alto: la prima campagna realizzata da Tony Viramontes per il Genius Group su Vogue [1984]
in basso: la seconda [1985], con Ben Shaul, Mimi Potworowska, Violeta Sanchez e Scarlett Napoleon Bordello

 

Ciò tuttavia non era che il coronamento di una serie di brillanti collaborazioni assieme a nomi del calibro di Valentino, che gli commissinò un imponente corpus di lavori, ma anche di Yves Saint-Laurent, Jean-Paul Gaultier, Versace, Dior, Chanel, Halston, Sonia Rykiel, Hanae Mori, Givenchy, Issey Miyake, Ungaro, Nina Ricci, Rochas, Azzedine Alaïa, Rifat Ozbek.

 

Tony Viramontes for Valentino haute couture, Special Jubilee portfolio on Vogue couture issue, 1984

Tony Viramontes for Valentino 2

Alcuni dei lavori di Viramontes per Valentino haute couture - Special Jubilee Portfolio, su Vogue Couture issue [1984]

 

Non meno indimenticabili i suoi ritratti, anch’essi commistioni eclettiche di fotografia, collage e pittura come risultato di sessioni di posa che duravano anche delle ore (“Ho bisogno di un modello da guardare, per creare. Non riesco solo a immaginare”), tra cui quelli di Paloma Picasso, di Isabella Rossellini, di Boy George, di Donna Summer, di Janet Jackson e degli Arcadia di Simon Le Bon per le copertine dei loro album, del suo protégé Steven Meisel e della top-model Violeta Sanchez.

 

Tony Viramontes, Donna Summer, Janet Jackson and Arcadia with Violeta Sanchez, 1985

in alto: cover di Tony Viramontes per Donna Summer - All systems go [1987] | Janet Jackson - Control [1986] | Arcadia - So red the rose [1985], e, in basso, l'artwork del booklet per So red the rose, con il ritratto di Violeta Sanchez

 

Risalta nelle sue composizioni l’annullamento - conforme alla visione della Buffalo Crew di Ray Petri, della quale egli stesso faceva parte - di ogni identità di genere dell’abito: modelli maschili (e amanti) truccati, indossando gioielli e turbanti; donne androgine in abiti da uomo, cavalcando l’onda dell’estetica metrosexual, entrambi resi con la stessa sensualità, con la stessa insolenza, graffiati sulla carta con tratti nervosi, veloci, eppure sorprendentemente armoniosi, nei colori e nella composizione.

 

Tony Viramontes, Teri Toye, Walter Schupfer, Tanel Bedrossiantz and Joe Dietrich

in alto: lo styling gender-bender di Tony Viramontes su Teri Toye e Walter Schupfer [1986]
in basso: due dei supermodels della Viramontes' crew Tanel Bedrossiantz & Joe Dietrich [1985]

 

Disegna per te stesso, dipingi per te stesso, scatta fotografie per te stesso; le amerai molto di più”, affermava, sommerso tra matite, pennarelli ed idee come visioni, e come punti di rottura.

 

Tony Viramontes, Nick Kamen, Per Lui, 1984

Tony Viramontes, Mike Kelly for Marie Claire beauty, 1986 

Tony Viramontes, cover for Richard Martin's Fashion and Surrealism book 1987, Nina Ricci 1985, Estelle Lefebure on Jill 1986

in alto: Nick Kamen ritratto da Tony Viramontes su Per Lui [1984]
al centro: Mike Hill protagonista delle gouaches di Tony Viramontes per Marie Claire beauty [1986]
in basso: 1_copertina di Viramontes per il catalogo Fashion and Surrealism di Richard Martin [1987] | 2_gouache per Nina Ricci haute couture [1985] | 3_Estelle Lefebure su Jill Magazine [1986]

 

Strappato via dall’aids come si strappa un’edera rigogliosa, negli inquieti e stroboscopici anni ’80 - in una parabola al contempo esplosiva ed implosiva che ricorda, per visione, tempi e modi, quella di un altro talento quale era Stephen Sprouse -, è soprattutto nelle silhouettes per Claude Montana, nero su bianco, che si riconosce il tratto distintivo di quella scelta che lo ha portato ad essere una sorta di pianta rampicante, un’edera composta non di foglie, ma di fogli, splendidamente sporcati da donne e uomini intrappolati nell’atto di completa resa al suo innato talento.

 

Tony Viramontes, opening at Carla Sozzani 5

veduta dell'esibizione alla Galleria Sozzani con, a sinistra, le silhouettes di Viramontes per Claude Montana [1985]

 

Un’edera che, come emblema della concupiscenza, ha fissato su carta, con passione e genio, l’inquietudine e l’estro creativo di un decennio fulgente, quello degli ’80, che continua ad influenzare le vetrine (come quella di Bergdorf Goodman a New York, in occasione dell’uscita del catalogo) e le collezioni contemporanee (come, da ultima, quella spring/summer 2014 di Phoebe Philo per Celine).

 

Tony Viramontes with Ray Petri for The Face, mua Paul Gobal

Tony Viramontes, polaroid of Eugenie Vincent for Lei

Tony Viramontes, Yasmin Le Bon, 1984

in alto: polaroid dello splendido editoriale di Viramontes con Ray Petri per The Face - mua Paul Gobal [1985]
al centro: Eugenie Vincente nell'editoriale di Tony Viramontes su Lei [1986]
in basso: i ritratti di Yasmin Le Bon [1984]

 

Un decennio ipnotico e accecante, come una luce stroboscopica.

Un decennio bold, beautiful and damned.

 

Tony Viramontes. Bold, Beautiful and Damned

dal 6 settembre al 3 novembre 2013

Galleria Carla Sozzani - Corso Como, 10 - Milano

Orario: lun. 15.30 - 19.30 | mar., ven., sab. e dom. 10.30 - 19.30 | merc. e giov. 10.30 - 21

Ingresso: open admittance

www.galleriacarlasozzani.org

 

Tony Viramontes catalogue coverCatalogo:

Bold, Beautiful, and Damned.
The World of 1980s Fashion Illustrator Tony Viramontes

Testi di Dean Rhys Morgan

Prefazione di Jean Paul Gaultier | Postfazione di Amy Fine Collins

250 illustrazioni, 192 pagine | data di uscita: 29 ottobre 2013

Ed. Laurence King Publishing | link all’acquisto su Amazon


 

Courtesy:

Per le immagini dell'opening e dell'allestimento, Galleria Carla Sozzani - Milano

Per le opere di Tony Viramontes, Tony Viramontes fan page su Facebook

Per le polaroid della Viramontes' crew, le campagne Genius Group e l'editoriale con Ray Petri: www.fashionsphinx.com

 

 


[1] A. Marchesini, Il terrazzino dei gerani timidi, ed. Rizzoli, 2011

 

condividi le tue IDEE
lascia un COMMENTO

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Invia Commento


Condividi
 
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews
VARIE_Milano in panico: si respira VARIE_Milano in panico: si respira
 
Giovedì 26 Gennaio 2012 17:19
BOOK_Maurizio Cattelan - All BOOK_Maurizio Cattelan - All
Domenica 22 Gennaio 2012 22:59
VARIE_Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei
Lunedì 09 Gennaio 2012 14:14
BOOK_Favole al Telefono BOOK_Favole al Telefono
Lunedì 09 Gennaio 2012 13:39
VARIE_Se Steve Jobs fosse nato a Napoli
Domenica 08 Gennaio 2012 18:23
ARTE_Il futuro dell'arte e' donna ARTE_Il futuro dell'arte e' donna
Domenica 08 Gennaio 2012 17:02
ARTE_Come ti attiro il Mecenate ARTE_Come ti attiro il Mecenate
Domenica 08 Gennaio 2012 16:12
INTERVISTE_Being Yoko Ono INTERVISTE_Being Yoko Ono
Sabato 29 Gennaio 2011 16:02
INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion
 
Martedì 25 Gennaio 2011 18:04
MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada
 
Martedì 25 Gennaio 2011 15:06

Le ceramiche di Bertozzi & Casoni nello scrigno di Mantova

Bertozzi & Casoni. Dove come quando – Mantova, Palazzo Te,[…]

Vie della Scultura dagli Uffizi a Forte dei Marmi

Proseguono le mostre nell'ambito dell'iniziativa "La città degli Uffizi", ideata[…]

Urbino espone il testamento di Gino De Dominicis

Dal 26 luglio 2014 al Palazzo Ducale di Urbino è[…]

Dieci star della Magnum, da un libro di Mario Calabresi alla Reggia di Venaria. Immagini dalla mostra che avvicina McCurry, Koudelka, Salgado…

Steve McCurry – A occhi aperti. Quando la Storia si[…]

Giuseppe Maggiolini, grande "designer" del Settecento

Cade quest'anno il bicentenario della morte del celebre ebanista Giuseppe[…]

ALTAROMA: “BLACK CELEBRATION”, FASHION, ART AND DESIGN UNDER THE SIGN OF BLACK

Black celebration, photo by Nunzia Garoffolo Dear FBFers, here I[…]

Wonderline, una scultura simbolo per la Milano dell'Expo

Asseriva Pablo Picasso che "i colori come i lineamenti seguono[…]

Al via la prima edizione di "Stintino chiAma". Sabato 26 luglio appuntamento con Roberto Napoletano

È tutto pronto per la prima edizione di «Stintino chiAma»[…]