martedì 21 ottobre 2014  
HOME | MODA | L'arte tessile della collezione FW2014 di GABRIELE COLANGELO
L'arte tessile della collezione FW2014 di GABRIELE COLANGELO PDF
Domenica 04 Agosto 2013 17:10

DICHIARAZIONE D’INTENTI. L’ARTE TESSILE DI GABRIELE COLANGELO

di Veronika Aguglia

 

Gabriele Colangelo pre-fall 2013Che il mondo della moda attinga allo sconfinato repertorio dell’arte contemporanea è assunto ben consolidato; ma è sempre incoraggiante assistere a certe dichiarazioni d’intenti, quando a parlarne sono gli abiti, quelle creature nuove generate da commistioni e crossover mediatici così vicini al nostro linguaggio contemporaneo.

Come la Bellezza, tutta da condividere dietro la maestria esecutiva e poetica, del giovane stilista milanese Gabriele Colangelo.

 

Sin dall’esordio, Gabriele manifesta, nei suoi lavori per la moda, il legame interattivo con il mondo dell’arte contemporanea. Un legame che organizza forma e materia del suo operare, in una ricerca intensissima e scientifica, condotta con metodo e disciplinata dalla sensibilità umanistica della sua formazione.

 

Gabriele Colangelo pre-fall 2013, 1

 

Il senso del filato si innesta in lui a partire dalla militanza nell’atelier di pellicceria di famiglia, per proseguire, tra gli studi universitari in Lettere ed il sempre sostenuto amore per il disegno.

Disegno come pratica e genealogia di un talento, pronto ad esprimersi alla prima occasione, quando Colangelo vince il concorso per fashion stylist organizzato dalla Camera Nazionale della Moda Italiana.

Prima di arrivare a sé, nel 2008 - data della prima collezione, ed anno della vincita di Who is on next?, organizzato da AltaRoma e Vogue Italia - Gabriele disegna per Versace, Cavalli e Burani.

 

Gabriele Colangelo pre-fall 2013, 3

 

Arriviamo rapidamente a lui, a loro, agli abiti.

A questi tessuti laboriosamente trattati da polvere di sogno, dove l’estenuante lotta per l’effetto desiderato si esaurisce in uno scampolo che aderisce perfettamente al concetto voluto, e che coincide con la possibilità/gender di ogni capo.

 

Gabriele Colangelo pre-fall 2013, 2

 

Tessuti che fanno abitare una condizione, quella cioè di assecondare il cambiamento di stato di chi li indossa. L’inaspettato. Un abito mai uguale ma mutante, proprio come la qualità merceologica e la tecnica esecutiva di ogni capo.

 

Gabriele Colangelo pre-fall 2013, 4

 

Per la collezione autunno/inverno 2013-2014 il tessuto mima gli effetti di vibrato, seguendo la smaterializzazione dell’immagine ricavata dalle fotografie dei frame-video dei lavori dell’artista francese Laurent Segretier.

Tessuti che si fanno codici di progresso interessanti, proprio perché testimonianza di una moda attraversata e vissuta da simili interferenze.

 

Gabriele Colangelo FW2014

 

Tessuti, racconti di pixel, bande di trasmissione, assestamenti tra un canale e l’altro, metafore infinite di sintonizzazioni vincenti e rilucenti. Perché gli effetti-luce di cotanta eloquenza tecnologica sono ottenuti attraverso dei trattamenti raffinatissimi, e ricercatissimi. Come l’impiego del filo trilobato, che riflette la luce, o della tecnica degradé, che sfuma verso il bordo, dal colore più scuro fino al chiarissimo, ed alla quasi completa e bellissima dissolvenza totale.

Così è, nell’esempio di qualche cappotto interrotto della collezione, dove uno stacco di colore imprevisto crea una finestra sulla figura, per poi riprendere le proprie fila - tessili e narrative.

 

Gabriele Colangelo FW2014, 1

 

È proprio il caso di rafforzare il concetto - o meglio, la suggestione - di diversi pesi e diverse misure nel lavoro di Colangelo. Se l’artista tedesco Gerhard Richter incrostava di pittura le sue fotografie, Colangelo fa lo stesso con le stoffe, guardando anche al lavoro di Jason Martin, dove la pennellata è maggiormente potente, ma ancor di più lo è la materia - densa, struggente, pesante, identificabile con quella sostanza magmatica e grumosa, residuo del pennello e della spatola.

 

Gabriele Colangelo FW2014, 2

 

Sono dotati di movimento simile, rotatorio e armonico, anche i capispalla della collezione, per i quali il trattamento ondulatorio della lana e della pelliccia ricalca il gesto, informale e travolgente, del passaggio della spatola. L’effetto è ancora una volta magnetico, visionario, ma sempre candidamente a favore di una bellezza portabile.

 

Gabriele Colangelo pre-fall 2013, 5

 

Riflettendo sul tessuto che meglio rappresenta l’era di internet, in definitiva, penso sicuramente agli abiti di Colangelo, alle sue textures enfatizzate da innesti di fili trasparenti, come fitte maglie di reti connettive attraversate da bagliori che catturano la luce, e altrettanto certamente la Bellezza interconnettiva della nostra epoca.

 

www.gabrielecolangelo.com

 

Pics: pre-fall 2013 lookbook | Autumn/Winter 2013-2014 fashion show in Milan

 

condividi le tue IDEE
lascia un COMMENTO

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Invia Commento


Condividi
 
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews
VARIE_Milano in panico: si respira VARIE_Milano in panico: si respira
 
Giovedì 26 Gennaio 2012 17:19
BOOK_Maurizio Cattelan - All BOOK_Maurizio Cattelan - All
Domenica 22 Gennaio 2012 22:59
VARIE_Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei
Lunedì 09 Gennaio 2012 14:14
BOOK_Favole al Telefono BOOK_Favole al Telefono
Lunedì 09 Gennaio 2012 13:39
VARIE_Se Steve Jobs fosse nato a Napoli
Domenica 08 Gennaio 2012 18:23
ARTE_Il futuro dell'arte e' donna ARTE_Il futuro dell'arte e' donna
Domenica 08 Gennaio 2012 17:02
ARTE_Come ti attiro il Mecenate ARTE_Come ti attiro il Mecenate
Domenica 08 Gennaio 2012 16:12
INTERVISTE_Being Yoko Ono INTERVISTE_Being Yoko Ono
Sabato 29 Gennaio 2011 16:02
INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion
 
Martedì 25 Gennaio 2011 18:04
MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada
 
Martedì 25 Gennaio 2011 15:06

Alessandro Dandini de Sylva: alchimie di un istante

Alessandro Dandini de Sylva in mostra. Courtesy Operativa Arte Contemporanea[…]

René Burri 1933-2014

Il mondo della fotografia oggi piange la scomparsa di un[…]

Paris Art Week. FIAC e le sue sorelle (e sorellastre)

Fiac 2013 L’appuntamento con FIAC 2014 è dal 23 al[…]

Addio a René Burri, il grande fotografo svizzero ritrattista del Che Guevara. Una carriera ricchissima, culminata con la nomina a presidente dell’Agenzia Magnum

Essere l’autore di una vera e propria icona, come l’immagine[…]

Lichtenstein, esplosione Pop a Torino

Mancano più di tre mesi alla chiusura, eppure alla GAM[…]

EMOTION IS EVERYTHING: THE SPORTY-CHIC MINIMALISM BY ARTHUR ARBESSER

photo by N “Emotion is everything”, pearl of wisdom impressed[…]

La nuova “project room” di Ca’ Pesaro inaugura con Alberto Tadiello

E’ il giovane artista vicentino Alberto Tadiello a inaugurare i[…]

Il Pompidou gioca con l'arte

I bambini diventano sempre più protagonisti delle strategie editoriali di[…]