lunedì 21 aprile 2014  
HOME | MODA | Art à porter: è la collezione ANDY WARHOL BY PEPE JEANS
Art à porter: è la collezione ANDY WARHOL BY PEPE JEANS PDF
Venerdì 06 Luglio 2012 10:10

TAKE A WALK ON THE PEPE SIDE

Art à porter: è la collezione ANDY WARHOL BY PEPE JEANS

di Fabiola Triolo

 

 

Andy with Candy, Cory Tippin and Jane Forth, by Bill King, 1971Lezione n°1: l’ambiente modifica l’uomo.

 

Ne sanno qualcosa gli inadeguati dinosauri, le giraffe dal chilometrico collo, ne sono dimostrazione le tante variazioni del becco nei fringuelli delle Galapagos.

 

Ok, l’abbiamo presa un po’ alla lontana, ma in tempi di epocali scoperte di Bosoni vari, non potevamo che fornire un fondamento scientifico al nostro assioma: se la teoria dell’adattamento è alla base dell’evoluzione della specie, le favolose creature che popolavano la Factory di Andy Warhol non potevano che essere la risultante di una spietata selezione, operata secondo precise condiciones sine qua non: l’estro, lo stile, la capacità comunicativa dal punto di vista visivo, l’innovatività.

La meraviglia.

 

Andy Warhol and Keith Haring, Im not ashamedQuell’argenteo loft di Manhattan, sotto la regia di un fragile genio che non si separava mai dal suo toupet e dal suo atteggiamento elegantemente apatico, seppe produrre un numero splendidamente imprecisato di icone, da Edie Sedgwick a Candy Darling, da Nico a Holly Woodlawn, delle quali ancora oggi - tristi tempi di misunderstanding iconico - subiamo il fascino irresistibile.

 

Nostalgica e caparbia, la Generazione X della quale facciamo parte indossa fieramente Stephen Sprouse per Vuitton, divora biografie in versione cartacea o cinematografica dei Manhattan Club Kids, affolla l’MDNA World Tour e si dispera cantando a squarciagola Papa don’t preach, memore della storica collaborazione di quei tempi fra Warhol e Keith Haring, in onore della Nostra indiscutibile Signora del Pop.

 

Those were the reasons, and that was New York: la città della Factory, del Chelsea Hotel e dello Studio 54 che ogni sera apriva il sipario per offrire ai suoi fortunatissimi astanti the biggest party of the world.

 

 

Halston, Bianca Jagger, Liz Taylor and Andy Warhol at Studio 54

 

Andy Warhol by Pepe Jeans, Wein tshirt, Campbell topSembra intrisa di quello spirito malinconico/barra testardo/barra glam-rock la collezione Andy Warhol by Pepe Jeans, nata nel 2007 dal denim-brand inglese Pepe Jeans London in collaborazione con la Andy Warhol Foundation for the Visual Arts.

Del resto, era il 1973 l’anno in cui i tre fratelli kenioti Nitin, Arun e Milan Shah affittarono una bancarella in Portobello Road, da allestire ogni sabato, per vendere i loro ricercatissimi jeans - esattamente l’anno di uscita di Ziggy Stardust and the Spiders from Mars, quando si dice la coincidenza.

A partire da quell’anno, il brand non ha mai conosciuto battute d’arresto, veloce come il team di Formula Uno Red Bull di cui è sponsor ufficiale, e coerente nel non basarsi tanto sulla gelida scienza del marketing per proporre la propria visione di stile, quanto nel contare sul passaparola di un certo segmento della popolazione londinese: quella dei clubbers più avanguardisti.

 

          

                                           

Andy Warhol by Pepe Jeans, Tucker skirt, Marilyn clutchCosì, da un ponte di Notting Hill che ospitava una modesta bancarella a Portobello a pochi metri dal Sex and Seditionaries, ad un centro di comando di 25.000 m2 nel cuore di Londra (che oggi dirige 7000 grossisti in oltre 60 Paesi nel mondo - v. l’apertura del monomarca di Roma, nel 2010, con annesso concerto dei luccicantissimi Scissor Sisters), la walk on the wild side di Pepe Jeans è stata costellata - e certamente spianata - da una serie di campagne pubblicitarie che si avvalevano di personaggi non necessariamente famosi mainstream, ma immaginifici in termini di stile e di anticonformismo, proprio come accadeva nella Factory newyorkese solo un decennio prima.

 

 

Andy Warhol by Pepe Jeans, Jock dress, Jackie bangleFu Pepe Jeans a proporre la primissima campagna pubblicitaria ad un’allora completamente sconosciuta Kate Moss, a firmare shootings diretti da fotografi del calibro di Bruce Weber (1993), Steven Klein (2005), David Sims (2008), Steven Meisel o Tom Munro (entrambi nel 2009), ad inserire nei propri spot l’inno degli Smiths How soon is now (1985).

 

Fu Pepe Jeans, nel 1986, a pagare il cachet più alto che egli abbia mai ricevuto al nostro amatissimo Leigh Bowery, art director e testimonial di una campagna pubblicitaria (introvabile sulla Rete) che lo vedeva, camaleonticamente surreale come sempre, ripetere fino all’ossessione la frase Where’s Pepe?, foneticamente identica a Wears Pepe.

 

  

extract from Where's Pepe ad campaign starring Leigh Bowery, 1986

 

 

Andy Warhol by Pepe Jeans, Cale dress, Gage tshirtL’importanza conferita alla dimensione pubblicitaria accosta così, in un passo quasi obbligato, il brand ad Andy Warhol, l’artista che seppe rendere iconico un barattolo di zuppa pronta, lo stesso che dichiarò che un supermercato non è diverso da un museo e che la pubblicità non è che una delle tante forme artistiche contemporanee, forse la più rappresentativa della società cui si rivolge, trasformando istantaneamente il consumismo in cultura ready to made, proprio come un caffè solubile.

 

 

 

Andy Warhol by Pepe Jeans, Velvet dress, Canton scarfAndy Warhol by Pepe Jeans nasce nel 2007, perfettamente ricettiva del messaggio dell’artista, sfruttandone le sue opere iconiche insieme alla sua immagine, resa anch’essa icona da se stesso, prima che dalla sua osannazione post-mortem.

 

I colori, come da tradizione, sono quelli pop, accostati alle stampe in bianco e nero ed a sporadici flash di oro e di argento conferiti da borchie, paillettes e lurex; le linee sono tendenzialmente basiche, sfruttando soprattutto l’alchimia tra l’impronta anni ’70 che caratterizza la Londra rivoluzionaria di quel decennio (ed il marchio nella sua completezza), e l’immaginario legato ad Andy Warhol ed alla forza iconografica delle sue Superstars.

 

 

Andy Warhol by Pepe Jeans, Revolt tshirt, County shirtAndy Warhol by Pepe Jeans è declinato in seta, in chambray, in pelle lavata e, reduce dalla fresca presentazione all’ultimo Pitti Uomo, in denim Tru-Blu, trattato senza l'impiego di sostanze chimiche per tutte e sei le sue colorazioni, dallo used scuro all'effetto candeggiato, e riciclando l'acqua necessaria ai lavaggi fino al 90%.

 

La collezione consta di due linee: Pop, dove celeberrime serigrafie come il ritratto in quadricromia di Marilyn Monroe, di Jacqueline Kennedy, della Campbell’s Soup o del simbolo del dollaro invadono serialmente abiti e clutches, e Factory, all’interno della quale le foto rielaborate delle poliedriche Superstars che gravitavano attorno al loft di Manhattan, o le locandine dei lungometraggi diretti da Warhol, diventano protagoniste di t-shirts, di camicie, di bangles, di fodere di pellicce rigorosamente ecologiche.

 

Andy Warhol by Pepe Jeans, 2011

 

Un product-placement che, ne siamo certi, Andy stesso avrebbe seguito in prima persona, testimonial non appena poteva dei prodotti più disparati e più rappresentativi del modus vivendi tipicamente a stelle e strisce - dal Commodore Amiga 1000, a Vogue America, alla lacca per capelli Vidal Sassoon, al semplice atto di mangiare un hamburger.

 

                                          

 

E così come Warhol, cultore ossessivo delle arti visive, raccolse il meglio che gli anni ’60 potessero offrire nella sua luccicante warehouse, Andy Warhol by Pepe Jeans accorpa arte e moda in una riuscita esperienza di art à porter a tinte pop.

Con buona pace di teorie evolutive varie, e di una nostalgia per i bei tempi andati che durerà sicuramente ben più di quindici minuti.

 

andy warhol, 15 minutes

 

Acquista Andy Warhol by Pepe Jeans e Pepe Jeans London su Zalando:
spedizione, pagamento alla consegna e reso sempre gratuiti

 

Pics’ credits and courtesy:

1_Bill King, Andy Warhol with Candy Darling, Cory Tippin and Jane Forth, 1971

2_Andy Warhol and Keith Haring, Untitled (Madonna, I’m not ashamed), 1985 - courtesy Keith Haring Foundation, NY

3_Halston, Bianca Jagger, Liz Taylor and Andy Warhol @ Studio 54, 1978 - courtesy Getty Images

4_Wein t-shirt (Art is what you can get away with) and Campbell’s Soup sequin top

5_Tucker skirt (Edie Sedgwick all-over) and Marilyn sequin clutch

6_Jock dress (Nico print) and Jackie bangle

7_Cale dress (Marilyn portrait all-over) and Gage top (Edie Sedgwick print)

8_Velvet dress and Canton scarf (Marilyn portrait all-over)

9_Revolt t-shirt (Women in Revolt print) and County shirt (Chelsea Girls print)

10_Poor little rich girl faux fur (Edie Sedgwick print), autumn-winter 2011/2012

11_Andy says… famous for 15 minutes, art print, 1968

 

condividi le tue IDEE
lascia un COMMENTO

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Invia Commento


Condividi
 
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews
VARIE_Milano in panico: si respira VARIE_Milano in panico: si respira
 
Giovedì 26 Gennaio 2012 17:19
BOOK_Maurizio Cattelan - All BOOK_Maurizio Cattelan - All
Domenica 22 Gennaio 2012 22:59
VARIE_Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei
Lunedì 09 Gennaio 2012 14:14
BOOK_Favole al Telefono BOOK_Favole al Telefono
Lunedì 09 Gennaio 2012 13:39
VARIE_Se Steve Jobs fosse nato a Napoli
Domenica 08 Gennaio 2012 18:23
ARTE_Il futuro dell'arte e' donna ARTE_Il futuro dell'arte e' donna
Domenica 08 Gennaio 2012 17:02
ARTE_Come ti attiro il Mecenate ARTE_Come ti attiro il Mecenate
Domenica 08 Gennaio 2012 16:12
INTERVISTE_Being Yoko Ono INTERVISTE_Being Yoko Ono
Sabato 29 Gennaio 2011 16:02
INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion
 
Martedì 25 Gennaio 2011 18:04
MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada
 
Martedì 25 Gennaio 2011 15:06

La celebrazione pasquale di più grande forza visuale. Immagini della Semana Santa di Siviglia, e del reportage del 1964 di Domenico Gnoli…

Domenico Gnoli, La Settimana Santa di Siviglia, 1964 È una[…]

Petit Bateau e il Festival di Hyères: sodalizi creativi, in terra di Francia. Satu Maraanen disegna una capsule collection per il noto fashion brand

Satu Maaranen per Petit Bateau Petit Bateau è da 121[…]

La Cerveteri etrusca conquista Roma

Oltre 400 manufatti tra sculture, vasi, fregi, anfore, brocche, tazze,[…]

I mille volti di Munari

Libri illeggibili, forchette parlanti, sculture da viaggio, macchine inutili. La[…]

Un dialogo nel vetro. I Santillana a Venezia

I Santillana – veduta della mostra presso Le stanze del[…]

“IL COLLEZIONISTA DI ABITI”, A TALK FEATURING ENRICO QUINTO AT THE IUAV UNIVERSITY

It will be held on 29th April 2014 in Treviso,[…]

MATTEO THIELA BETWEEN ART & CONCEPTUAL FASHION

Matteo Thiela The austere solemnity of monochromatic black and white,[…]

ROMANTICISM & SENSUALITY: THE RAG DOLL BY VIVETTA

Vivetta Fall/Winter 2014-2015, photo by Jessie Lily Adams A woman,[…]