mercoledì 03 settembre 2014  
HOME | MODA | HELMUT NEWTON 1920-2004 - A cura di June Newton - Parigi, Grand Palais - fino al 30.07.2012
HELMUT NEWTON 1920-2004 - A cura di June Newton - Parigi, Grand Palais - fino al 30.07.2012 PDF
Mercoledì 30 Maggio 2012 11:55

TUTTI I FETICCI DI HELMUT

Helmut Newton 1920-2004 - A cura di June Newton - Parigi, Grand Palais - fino al 30.07.2012

di Stephanie Chaulet

 

1 Helmut Newton, Nova, Paris 1973Tacchi alti.

Nuvole di fumo da labbra scarlatte.

Zoofilia e public sex.

Veneri senza veli e Veneri in pelliccia, Veneri languide, Veneri dominatrici.

Helmut Newton ha immortalato le donne e i loro corpi, belli e dannati, provocanti o raffinati, ipersessuati o androgini. Laddove Yves Saint-Laurent seppe conferire potere alla donna attraverso la rivoluzione del prêt-à-porter, Newton l’ha fatto tramite la sua stessa rappresentazione: «J’ai toujours été intéressé par le pouvoir - sexuel, financier ou politique [1]».Nuda, splendida, a gambe e a mente spontaneamente, volutamente aperte. Potente di quella forza che solo la bellezza, e la consapevolezza di essa, sanno donare.

Parigi fu il perfetto campo di battaglia per esprimere lo stile sui generis di un artista che - dalla Germania nazista all’Australia, passando da Londra - ha saputo afferrare e rendere lo spirito della liberazione femminile, per celebrare una donna senza tabù e senza catene - se non quelle dei giochi erotici. E Parigi, oggi, dedica la sua prima mostra francese al genio della fotografia dei rich and famous, allestita con maestosità al Grand Palais.

In esposizione quasi trecento scatti: 60 anni di carriera messi in scena sotto la cura di sua moglie June, anch’essa nota fotografa con lo pseudonimo di Alice Springs.

 

3 Helmut Newton, La Bourgeoise, Paris 1974Sulla carta il fascino erotico della borghesia, allestito da un rampollo di famiglia agiata che ha conosciuto l’esilio perché ebreo (il suo vero cognome fu Neustädter), spinto alla fotografia a 16 anni da sua madre, visti gli scarsi successi in campo scolastico.

Un vissuto che gli ha permesso di maturare uno stile centrato sulla ribellione nei confronti dei codici della moda, una sovversione assoluta e caparbia dai concetti allora paralizzati di arte e di buon gusto, che passa per il suo licenziamento da Vogue France nel 1964, a causa di un suo servizio su Courrèges per Queen Magazine, reo di non averne reso conto (nonostante non fosse tenuto all’esclusività) all’allora editor in chief Françoise de Langlade, e riassunto solo due anni dopo grazie alla fiducia assoluta della nuova editor Francine de Crescent.

A Parigi non esistono preconcetti protestanti, e Newton può finalmente rivelare il suo estro. Contro tutto il movimento femminista, scatenato nei confronti di questo «voyeur, obsédé sexuel [2]», ha dichiarato, lapidario e geniale, «La vulgarité c’est la vie, l’amusement, l’envie, les réactions extrêmes [3]».

 

Helmut Newton for French Vogue, 1994

 

La retrospettiva si apre con queste sue parole: «Some people’ photography is an art. Mine is not. If they happen to be exhibited in a gallery or in a museum, that’s fine. But that’s not why I do them. I’m a gun for hire [4]».

 

4 Helmut Newton for Vogue

 

Duecentocinquanta scatti, quaranta Polaroid, un lungometraggio girato dalla moglie, Helmut by June, innumerevoli copertine ed editoriali tra nudi, ritratti e fotografie paesaggistiche.

6 Helmut Newton, Thatcher, Le PenAnche nella ritrattistica, Newton fa del politiquement incorrect uno stilema, meglio se fondato su personalità già di per sé forti come quelle di Margaret Thatcherla mia pin-up preferita») o di Jean-Marie Le PenI like photographing the people I love, the people I admire, the famous, and especially the infamous, those who are famous although they wouldn’t have to be. My last infamous subject was the extreme right wing French politician Jean-Marie Le Pen [5]») o, al di fuori dell’establishment politico, come quelle di Salvador Dalì morente e di Andy Warhol dormiente, di Karl Lagerfeld e di Yves Saint Laurent, di dive, di dandies, di caratteri indimenticabili.

 

La fotografia di moda fu tuttavia il mezzo di cui più si servì, per scongelare l’iceberg delle convenzioni, rendendo complici della sua missione le supermodels più famose - quelle che non mi alzo dal letto per meno di 10.000 dollari al giorno.

 

Helmut Newton, supermodel Nadja Auermann, Vogue US 1993

 

Si è spesso arricchito di referenze culturali, dall’arte alla cinematografia, come per lo scatto North by Northwest (1967), chiaro omaggio ad Intrigo Internazionale di Alfred Hitchcock, o nel tributo alla Venere Rokeby di Diego Velasquez (1648 ca, National Gallery di Londra) per After Velasquez in my apartment (1981), così come in quello a Man Ray per Le Baiser - Bordighera (1982).

 

10 Helmut Newton, Marta Marzotto in her garden with her portrait by Renato Guttuso, 1986

 

Emblematico è il dittico tratto dalla serie Les nus et les vêtus (1981), titolo alla Scott Fitzgerald e impatto visivo alla Tarantino: stessa posizione da amazzone, stessa location (in questo caso Brescia), ora la donna è vestita, ora sfacciatamente nuda.

 

11 Helmut Newton, Brescia 11 00, Brescia midi, 1981

 

Contro il bon goût allora imperante nell’editoria di moda («I hate good taste. It’s the worst thing that can happen to a creative person [6]»), dove tutto era improntato sul valorizzare l’abito, più che la donna, il suo è un umorismo sfrontato, catartico e monumentale, come spiega il co-curatore della retrospettiva Jérôme Neutres: «Il a photographié des femmes monumentales dans des décors monumentaux. L’exposer au Grand Palais nous a paru une démarche évidente [7]».

 

13 Helmut Newton, autoportrait and June

 

Il celebre scatto Autoportrait avec femme et modèles sembra esser il simbolo del suo elegante voyeurismo, ma forse quello ancora più emblematico è il ritratto di June, seminuda, disinvolta e sicura di sé, che accende una sigaretta a pasto consumato: il potere esplosivo dei clichés erotici arricchito della massima eleganza.

In due parole, il Newton touch.

 

Helmut Newton Cindy and Helena

 

Le sue foto sono una grande palette dei desideri più o meno repressi della natura umana, dal bondage al sadomasochismo, dal gender-bending all’autoerotismo, tra bordelli, manichini, animali e ruffiani.

Un microcosmo che fa pensare alla Belle de Jour di Bunuel - del resto, Catherine Deneuve, come quasi tutte le dive viventi, fu una delle modelle d’eccezione che si prestò al suo obiettivo. E laddove lo si tacci di maschilismo, si verrebbe presto contraddetti dallo sguardo sicuro e dominatore di ognuna, nessuna esclusa, delle protagoniste delle sue opere.

 

Helmut Newton, divas

 

Incline egli stesso al lusso, ha saputo tuttavia guardarlo con oggettività e distacco, cogliendone la caducità - come nello scatto x-Ray Van Cleef & Arpels, dove lo sfarzo simbolizzato da sontuosi gioielli si accende e si spegne ad intermittenza su uno scheletro macabramente bello - o mettendone in scena la volgarità, come per Fat hand and dollars.

 

Helmut Newton Fat hand and dollars

 

E infine, l’amore.

Helmut Newton, Jeff Koons and Cicciolina, Italy 1991Al di là del presunto maschilismo, dell’innegabile epicureismo, della pornografia reale o accusata tale, lo scatto angelicamente provocatore della coppia Jeff Koons/Cicciolina o quello intensamente complice di David Lynch e Isabella Rossellini sembrano fare da trait d’union tra i due poli dell’opera di Helmut Newton: l’arte ed il piacere.

Innumerevoli coppie celebri hanno fortemente voluto lasciarsi ritrarre da lui, dai Taschen (editori dei suoi cataloghi tra i quali spicca Sumo, entrato nella storia dell'editoria come pubblicazione più voluminosa in assoluto - circa 30 kg per 464 pagine - e tra le più care - 10.000 €, con un leggìo appositamente disegnato da Philippe Starck) ai Bailey, da Donatella Versace e Paul Beck a Diane von Furstenberg ed Alain Elkann, a Serge Gainsbourg e Jane Birkin.

 

Una definizione lapidaria che egli stesso diede della sua arte fu «J’aime la photographie qui a des couilles[8]». Clamorosamente (o meglio, glamour-osamente) audace, ed incurante dei rischi, questo homme qui aimait les femmes ha saputo costantemente esaltarle e, facendo ciò, esaltare se stesso.

 

2 Helmut Newton, portrait by Alice Springs, 1987, courtesy Galleria Carla Sozzani

 

Helmut Newton, 1920-2004

a cura di June Newton, con la collaborazione di Jérôme Neutres

Scenografia: Paul Kahlfeldt (Kahlfeldt Architekten, Berlino)

dal 24 marzo al 30 luglio 2012

Grand Palais des Champs Elysées - avenue du Général Eisenhower, 3 - Parigi

Orario: tutti i giorni tranne il martedì dalle 10.00 alle 22.00

Ingresso: intero € 11.00 - ridotto € 8.00

www.grandpalais.fr - www.helmut-newton.com  

Acquista il catalogo

 

Pics’ credits:

Helmut Newton, Nova, 1973

Helmut Newton, La Bourgeoise, 1974

Helmut Newton for French Vogue, 1994

Helmut Newton, Jenny Kapitan at Pension Dorian, 1977 - Jerry Hall, Vogue US, 1974 - French Vogue, 1974

Helmut Newton, Margaret Thatcher, 1991 - Jean-Marie Le Pen, New Yorker, 1997

Helmut Newton, Marta Marzotto in her garden with her portrait by Renato Guttuso, 1986

Helmut Newton, Nadja Auermann, US Vogue, 1993

Helmut Newton, Brescia 11.00, Brescia midi, 1981 

Helmut Newton, Self portrait with wife June and model, 1981 - June Brunell, 1972

Helmut Newton, Helena Christensen and Cindy Crawford, Vogue Paris, 1991 

Helmut Newton, Ava Gardner, 1984 - Catherine Deneuve, 1976 - Madonna, 1990 - Ornella Muti, 1986 - Charlotte Rampling, 1977

Helmut Newton, Fat hand and dollars, 1986

Helmut Newton, Jeff Koons & Cicciolina, 1991

Alice Springs, Helmut Newton’ portrait in high heels, 1987 - courtesy Galleria Carla Sozzani

 

All pics’ courtesy Helmut Newton Estate

 


[1] «Sono sempre stato attratto dal potere - sessuale, finanziario o politico».

[2] «voyeur, maniaco sessuale».

[3] «La volgarità è vita, divertimento, invidia, reazioni estreme».

[4] «Le fotografie di taluni sono arte. Le mie non lo sono. Se capita che vengano esposte in una galleria o in un museo, tanto meglio. Ma non è questo il motivo per cui le realizzo. Io sono un killer professionista».

[5] «Mi piace fotografare le persone che amo, quelle che ammiro, i famosi ma soprattutto i famigerati, quelli che sono famosi anche se non dovrebbero. Il mio ultimo soggetto famigerato è stato il politico francese di estrema destra Jean-Marie Le Pen».

[6] «Odio il buon gusto. È la peggior cosa che possa capitare ad una persona creativa».  

[7] «Ha fotografato donne scultoree in scenografie monumentali. L’esibizione al Grand Palais ci è sembrata la giusta evoluzione».

[8] «Amo la fotografia con le palle».

 

condividi le tue IDEE
lascia un COMMENTO

avatar miriam
0
 
 
Fenomenale ed unico!!!!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Invia Commento


Condividi
 
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews
VARIE_Milano in panico: si respira VARIE_Milano in panico: si respira
 
Giovedì 26 Gennaio 2012 17:19
BOOK_Maurizio Cattelan - All BOOK_Maurizio Cattelan - All
Domenica 22 Gennaio 2012 22:59
VARIE_Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei
Lunedì 09 Gennaio 2012 14:14
BOOK_Favole al Telefono BOOK_Favole al Telefono
Lunedì 09 Gennaio 2012 13:39
VARIE_Se Steve Jobs fosse nato a Napoli
Domenica 08 Gennaio 2012 18:23
ARTE_Il futuro dell'arte e' donna ARTE_Il futuro dell'arte e' donna
Domenica 08 Gennaio 2012 17:02
ARTE_Come ti attiro il Mecenate ARTE_Come ti attiro il Mecenate
Domenica 08 Gennaio 2012 16:12
INTERVISTE_Being Yoko Ono INTERVISTE_Being Yoko Ono
Sabato 29 Gennaio 2011 16:02
INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion
 
Martedì 25 Gennaio 2011 18:04
MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada
 
Martedì 25 Gennaio 2011 15:06

Tutti in fila per i Bronzi di Riace

Sono stati 40.247 i visitatori che nel mese di agosto[…]

Reinterpretare in chiave ecologista del concetto di Land Art. Da Cesare Viel a Silvia Giambrone, ecco le immagini dei work in progress degli artisti presenti all’Apulia Land Art Festival

Rileggere il concetto di Land Art americana in chiave naturalistica[…]

Venezia Updates: un premio alla carriera, un film corale e un rendez-vous con Ciak…

Premio alla carriera per Thelma Schoonmaker, storica montatrice di Martin[…]

Venezia Updates: Italy in a Day, il film collettivo firmato da Salvatores, è un puzzle sul Paese visto con gli occhi degli italiani

Italy in a day Oggi a Venezia è stato il[…]

Il progetto di restauro della Basilica di Santa Maria di Collemaggio

Il restauro della Basilica di Santa Maria di Collemaggio all’Aquila[…]

332mila visitatori per Frida Kahlo

La mostra che le Scuderie del Quirinale hanno dedicato all’arte[…]

I racconti di Giulio Questi, narratore partigiano realista e visionario

La polenta è l'oppio dei popoli. Il gemito marxiano alimentare[…]

Roberto Napoletano presenta «Viaggio in Italia» al Festival della Mente

Il direttore del Sole 24 Ore presenterà il suo ultimo[…]