giovedì 23 ottobre 2014  
HOME | MODA | Lucy + Jorge Orta per ZegnArt, FABULAE ROMANAE - Roma, MAXXI - fino al 23.09.2012
Lucy + Jorge Orta per ZegnArt, FABULAE ROMANAE - Roma, MAXXI - fino al 23.09.2012 PDF
Venerdì 11 Maggio 2012 13:09

DOVE DIMORANO GLI SPIRITI?

Lucy + Jorge Orta per ZegnArt, Fabulae Romanae - Roma, MAXXI - fino al 23.09.2012

di Francesca Borzacchi

 

Lucy e Jorge Orta, Fabulae RomanaeSognavo di essere un piccolo Michelangelo,

che cercava il denaro per realizzare le sue opere.

Oggi I Medici, Lorenzo il Magnifico, sono tornati con Zegna,

il cui sostegno dimostra che la cultura fa la differenza

Jorge Orta

 

 

Un viaggio simbolico attraverso le strade di Roma, attraverso gli occhi di dieci spiriti eterei: Fabulae Romanae è un’installazione composita dedicata alla città di Roma, con il supporto di alcuni allievi del Centre for Sustainable Fashion e del London College of Fashion, curata dalla sempre splendida Maria Luisa Frisa.

Prima delle tappe di ZegnArt - Special Projects, della quale protagonista è la coppia formata da Lucy + Jorge Orta, essa inaugura una serie di mostre basate su collaborazioni con artisti contemporanei a testimonianza della filosofia del Gruppo Zegna, che attribuisce all’arte un ruolo fondamentale come irrinunciabile strumento di ricerca e sviluppo.

 

Nelle parole di Gildo Zegna, “Se lo Zegna-spirit è sempre stato pionieristico e fortemente connesso al lavoro in termini di eccellenza ed innovazione, l’ambizione che abbiamo per ZegnArt è quella di innovare il modello stesso di intervento culturale, favorendo l’incontro di mondi differenti in una reciprocità che diventa pietra angolare intorno alla quale potere costruire il futuro”.

Il progetto è presentato al MAXXI nell’ambito di Tridimensionale, nuovo allestimento permanente della collezione MAXXI Arte, focalizzato sulla relazione spazio/oggetto e costellato da opere di artisti come Maurizio Mochetti, Juan Muñoz, Remo Salvadori, Thomas Schütte e Franz West.

 

 

Orta Studio, Jorge e Lucy working

 

 

Lucy e Jorge Orta, la prima architetto inglese ed il secondo fashion designer argentino, muovono dai primi anni Novanta la loro ricerca verso una direzione dove temi sociali, filosofici ed antropologici incontrano la dimensione critica dell’arte. Si servono di diversi media, suggeriscono stili di vita alternativi, mirano ad esplorare le problematiche generate dal caos della realtà contemporanea. L’attenzione per il dettaglio, la ricercatezza dei materiali, il bisogno di cambiamento, l’estetica anche come sinonimo di etica e sostenibilità sono i punti cardine che uniscono Lucy + Jorge Orta al Gruppo Zegna.

 

L’installazione multimediale Fabulae Romanae, come spiega Maria Luisa Frisa, “è indirizzata al MAXXI (reso simbolo contemporaneo di Roma) come punto centrale di una mappa emblematica, che delinea nuove traiettorie lungo la città. Gli input iniziali percorrono nuove vie, tanto fisiche quanto celebrali: una nuova rete di relazioni tra bellezza antica e forme moderne, tra modi di vita che - in maniera fluida e cangiante - reinterpretano l’antica struttura urbana. La città è vissuta ed interpretata come uno spazio di accoglienza multietnico e completo, all’interno del quale convergono le traiettorie della bellezza, della gentilezza e della comodità”.

 

 

Lucy e Jorge Orta, Storyboards, Fabulae RomanaeLa prima impressione che si ha, percorrendo il corridoio che porta immediatamente alla sala, è quella di una realtà di atelier.

 

Sedici quadri appesi alla parete costituiscono lo Storyboard, la vera e propria trama della fiaba. Essenzialmente schizzi a matita e disegni dettagliati, che immortalano ognuno degli spiriti.

 

Abiti utopistici, imbracature, architetture multiformi, maschere surreali, pratiche soluzioni futuristiche progettate sul corpo umano, che improvvisamente ci catapultano in avanti nel tempo trascinandoci immediatamente a ritroso, poiché evocano meravigliosamente, ciascuna a proprio modo, le architetture classiche di Roma: l’Altare della patria, il Colosseo con la millenaria Lupa, l’Arco di Costantino, il museo.

 

La forma e la sostanza di ogni costume/spirito ritratto riecheggia i luoghi classici più immaginifici della capitale; ma ciò che concretizza questi bozzetti su carta è la presenza, in ogni foglio, del campionario delle stoffe - rettangoli di cotone, lana, seta, tessuto tecnico scelti appositamente dagli artisti, che contraddistingue da sempre l’eccellente casa di moda maschile.

 

 

Lucy e Jorge, Orta, Storyboard, Fabulae Romanae

 

 

Terminato il corridoio ci si ritrova al loro cospetto: energici manichini color metallo, cinti da imbracature da escursionismo, esibiscono le complesse manifatture degli Orta. I toni si fanno sempre più vivi, tutto è in continuo divenire. Osserviamo incantati, come si farebbe dinanzi ad una vetrina di negozio.

 

Al centro della sala c’è the Flying man, vestito di un grandioso costume in tessuto tecnico impermeabile a cui gli angoli, appesi alla parete retrostante, conferiscono una dinamicità ed una leggiadria tale che sembra poter volare sospinto dal vento. Essenza di libertà.

 

 

Lucy e Jorge Orta, Domes DwellingPoco più avanti, una delle due Domes Dwelling, cuore pulsante dell’istallazione che richiama il tema della tenda, caro agli Orta come sinonimo di rifugio.

 

Costruzione sartoriale ma non solo, realizzata con tessuti innovativi, copiosamente rivestita da scampoli colorati, camicie, guanti imbottiti, rievoca non solo i Sette Colli, ma anche l’elemento architettonico romano per antonomasia, la cupola.

 

Forse è li che dimorano gli spiriti?

 

 

Medesimo intento si palesa due passi più avanti. Un altro immobile personaggio ci offre una suggestiva visione, sollevando in aria quattro mini-mongolfiere in tessuto multicolore rifinite minuziosamente.

 

Lucy e Jorge Orta, Spirits, the Reconnaissance ManLucy e Jorge Orta, Spirits

 

Emergono i contrasti tipici di una sartoria trasposti nel design di un habitat, o nella praticità (alternativa) di un abito realizzato con cura.

 

Spirito viaggiatore per eccellenza, personificazione di eleganza e ricercatezza dei materiali, ritroviamo the Traveller. Come un uomo d’affari in viaggio, di fatto è un cappotto nero, solo in un angolo sproporzionato, con sei lunghe maniche, due delle quali applicate posteriormente, che scruta l’intera sala come un fantasma senza tempo. Al suo capezzale, cinque valigie di varie dimensioni in tessuto nero e dal misterioso contenuto, quasi a riflettere l’arcana condizione dell’uomo moderno, alla ricerca di un vero scopo nel mondo.

 

Lucy e Jorge Orta, Fabulae Romanae, Flying Man, Reconnaissance Man, Dome Dwelling Celio

 

Ci sediamo, mettiamo le cuffie alle orecchie ed è mattino sul Ponte Sant’Angelo. La città si sveglia, fissiamo un angelo berniniano, il cielo romano, poi d’incanto ci ritroviamo al’interno del MAXXI, sulle scale del quale una creatura con una futuristica maschera rossa simbolizza il museo-icona della città contemporanea. In sottofondo una suggestiva musica, di tanto in tanto lo scroscio del fiume Tevere, una voce femminile ed una maschile che alternano suggestivi versi del poeta Mario Petrucci. Queste sono le immagini che ci introducono alla favola narrata dalla videoproiezione, diretta da David Bickerstaff, proiettata sulla parete.

 

Guarda come io guardo davanti a me, e dietro ogni romano volteggiano memorie”.

 

Lucy e Jorge Orta, Fabulae Romanae, frames from video

 

Gli spiriti viaggiatori con i loro costumi ora sono reali, si impadroniscono della città, la abitano, la vivono silenziosamente. Si dislocano tra le bellezze romane e gli spazi del MAXXI come protagonisti effettivi dei sentimenti della città, tra i rumori della quotidianità urbana - una quotidianità estetizzata - ed il silenzio delle sale. I tessuti rimangono la materia prima.

 

Lucy e Jorge Orta, Fabulae Romanae, The Flying Man

Lucy e Jorge Orta, Fabulae Romanae, The Tunneler

 

Ora un fruscio. Una figura trascina una ruota colma di indumenti, “lenzuolo, sole, aria, sogno”, un’altra pesanti fagotti colorati, per gli stretti corridoi del museo. Strascicano il peso della colpevolezza, chissà. The Flying man volteggia, visibilmente rapito dal vento, davanti Castel Sant’Angelo, mentre uno strambo individuo in abito formale e con una maschera da cavallo, bianco come marmo, trotta irrealmente nelle prossimità dell’Isola Tiberina, esso stesso cavallo e biga, odierno antico romano.

 

Lucy e Jorge Orta, Fabulae Romanae, frames 2

 

Ogni spirito etereo ci rivela delle “bianche memorie”. Il nostro viaggiatore errante dalla meta ignota, con il suo nero cappotto sproporzionato dal quale emergono solo due occhi spauriti, gira spaesato tra le stradine di Trastevere.

 

Tu vieni verso di me, ma i muri non possono camminare [...]. Metti un ciottolo nella tua tasca quando vai, così anch’io posso viaggiare”.

 

    

 

Il messaggio che intendono comunicarci gli artisti non è lampante, afferrandolo solo nel momento in cui si ha una visione d’insieme della complessa opera.

Messaggio che dimora nella dualità dell’installazione: spirituale, trascendentale, incatenata alle memorie antiche della città da un lato; tangibile, artistica, manifatturiera della realtà imprenditoriale, dal’altro. Una doppia anima che, di fatto - per dirla in termini sartoriali - costituisce la trama e l’ordito della nostra contemporaneità, e come singoli individui, e come collettività.

Costumi e tessuti come comunicazione di memorie, dunque, o spiriti che si impossessano dei costumi?

Un fatto è certo: Fabulae Romanae narra metaforicamente, attraverso surreali sentinelle, la complessità della nostra immaginazione contemporanea, ed esprime rigorosamente quella dimensione artistica dove moda, sartoria e arte si fondono in un tutt’uno con le memorie della Città Eterna.

Tutto il resto è legato alla storia unica ed irripetibile dell’individuo, come le emozioni.

 

Lucy + Jorge Orta, Fabulae Romanae

a cura di Maria Luisa Frisa, nell’ambito di ZegnArt - Special Projects

dal 22 Marzo al 23 Settembre 2012

MAXXI Museo nazionale delle Arti del XXI secolo - via Guido Reni, 4A - Roma

Orari: mart., merc., giov., ven., dom. dalle 11.00 alle 19.00 - sabato dalle 11.00 alle 22.00

Ingresso: intero € 11 - ridotto € 8

Info 06.39967350 - www.fondazionemaxxi.com

www.zegnart.com/it/diary

 

Pics’ credits & courtesy

Fabulae Romanae – storyboard, 2012

Pencil, pigment ink, water colour on paper

Courtesy the artists, MAXXI and Ermenegildo Zegna

 

 

Spirits, 2012

Diverse textiles, wool, cotton, leather, wood, armatures, steel structures, nickel, embroidery, glass, wheels, reclaimed garments, fiberglass, epoxy paint

Courtesy the artists, MAXXI and Ermenegildo Zegna

 

 

Domes Dwelling, 2012

Silkscreen print on various textiles, fiberglass armatures, steel structures, glass beads, webbing, blankets, clips, flags, suites, second-hand clothes

Courtesy the artists, MAXXI and Ermenegildo Zegna

 

 

Fabulae Romanae, 2012

Video projection

Directed by David Bickerstaff with the assistance of Simona Piantieri

Poetry by Mario Petrucci, narration by Clare Corbett and Aldo Alessio

Courtesy the artists, MAXXI and Ermenegildo Zegna

 

condividi le tue IDEE
lascia un COMMENTO

avatar Fabiola - redazione SeroxCult
0
 
 
Molto suggestivo anche "Shaded Fabulae Romanae", il video di Senio Zapruder che ha per protagonista Diane Pernet: youtu.be/5MSi5W8GZ5g?hd=1
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Invia Commento


Condividi
 
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews
VARIE_Milano in panico: si respira VARIE_Milano in panico: si respira
 
Giovedì 26 Gennaio 2012 17:19
BOOK_Maurizio Cattelan - All BOOK_Maurizio Cattelan - All
Domenica 22 Gennaio 2012 22:59
VARIE_Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei
Lunedì 09 Gennaio 2012 14:14
BOOK_Favole al Telefono BOOK_Favole al Telefono
Lunedì 09 Gennaio 2012 13:39
VARIE_Se Steve Jobs fosse nato a Napoli
Domenica 08 Gennaio 2012 18:23
ARTE_Il futuro dell'arte e' donna ARTE_Il futuro dell'arte e' donna
Domenica 08 Gennaio 2012 17:02
ARTE_Come ti attiro il Mecenate ARTE_Come ti attiro il Mecenate
Domenica 08 Gennaio 2012 16:12
INTERVISTE_Being Yoko Ono INTERVISTE_Being Yoko Ono
Sabato 29 Gennaio 2011 16:02
INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion
 
Martedì 25 Gennaio 2011 18:04
MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada
 
Martedì 25 Gennaio 2011 15:06

L'arte dei sogni dei senzatetto

Skid Robot, anonimo street artist che fa base a Los[…]

Milano cantiere aperto

A meno di duecento giorni dall’Expo, professori, restauratori e architetti[…]

Fabio Viale vince il Premio Cairo 2015: e tra il pubblico c’è chi rumoreggia per una scelta tutt’altro che a sorpresa

Fabio Viale e Urbano Cairo Al momento dell’apertura della busta[…]

Paris Updates: 35 foto dagli ottimi stand di Fiac. Che si conferma – ovviamente esclusa Basilea – la fiera più potente d’Europa

Fiac 2014 – Parigi Difficile scattare delle foto prive di[…]

All the World’s Futures, tutto sulla 56° Biennale di Venezia. Intervista a Okwui Enwezor

Okwui Enwezor Una Biennale che parla di futuro.  Un segnale[…]

THE DIORAMA OF GLAMOUR BY VIVETTA

Vivetta Spring/Summer 2015, photo by N “Glamourama”, the Spring/Summer 2015[…]

L’angelo della storia e tutti i futuri del mondo

All the World’s Futures, tutti i possibili futuri del mondo,[…]

LUXURY, STRUCTURE & LIGHTNESS: THE ELEGANCE BY AQUILANO RIMONDI

Aquilano Rimondi Spring/Summer 2015, photo by N Luxury, structure and[…]