mercoledì 30 luglio 2014  
HOME | MODA
MODA
Vuoto, 1989: i quadri di FRANCO MOSCHINO in mostra a Roma, nello store di Via del Babuino
Venerdì 31 Gennaio 2014 10:48

FRANCO STA PER SINCERO, MOSCHINO PER INSETTO FASTIDIOSO”

Vuoto, 1989: i quadri di Franco Moschino in mostra a Roma, nello store di Via del Babuino

di Francesca Borzacchi

 

Read more“Non c’è Creatività, senza Caos”, proclamava l’indimenticabile Franco Moschino, classe 1950. Stilista irriverente, filosofo in forma e sostanza, artista eclettico, Moschino seppe riscrivere i canoni della moda italiana sovvertendoli dalle basi, ribellandosi ad un sistema asfittico, stampando sorrisi sotto forma di smile e dubbi come punti interrogativi sulle sue visioni surreali, magrittiane.

Nel 1989, Moschino realizzò una serie di dipinti che avrebbero dovuto rappresentare, come dalle sue prime intenzioni, la campagna pubblicitaria A/I 1989-1990, che tuttavia vennero esposti solo nel 1993, in occasione della sfilata X Anni di KAOS - e dei conseguenti primi dieci anni dalla fondazione del suo marchio.

A distanza di venti anni esatti, il sipario rosso dalle opulente passamanerie dorate - che ci rimanda inevitabilmente a lui - si è risollevato una seconda volta con Vuoto, 1989, esposizione di questi dipinti, “perché la storia d’amore di Moschino compie trent’anni, e a trent’anni si è ancora ragazzini”, ci rammenta Rossella Jardini. Un tributo che si conclude oggi, e si festeggia nel maestoso flagship romano (recentemente restaurato da Michele Lucchi) in Via Del Babuino.

Più che ‘vuoto’, a different kind of emptiness, direi.

 

 
ALAÏA - Parigi, Palais Galliera - fino al 26-01-2013
Giovedì 16 Gennaio 2014 00:00

AZZEDINE ALAÏA, COSTRUTTORE DI INCANTI

ALAÏA - Parigi, Palais Galliera - fino al 26-01-2013

di Stephanie Chaulet

 

Read moreIl Musée de la Mode de la Ville de Paris - custodito nel gioiello neoclassico del Palais Galliera, posto di fronte al Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris come a ricordare, ancora una volta, la stretta fratellanza tra Arte e Moda - riapre i suoi spazi dopo un lungo restauro, durato 4 anni, celebrando con grazia e solennità il maestro Azzedine Alaïa, faro di luce splendente della haute couture francese sin dagli anni ’80.

Un tributo al cui cospetto sono accorse le più brillanti personalità della moda e dell’arte, pronte a rendere omaggio, in questa grande retrospettiva, ad un incantevole couturier - che da sempre preferisce definirsi semplicemente costruttore.

 

 
Anche i fashionisti mangiano. Fashion Food, le contaminazioni tra MODA E CIBO
Mercoledì 18 Dicembre 2013 21:11

ANCHE I FASHIONISTI MANGIANO

Un tour nel mondo delle contaminazioni tra moda e cibo

di Fabiana Mariani

 

Read moreMentre Karl Lagerfeld, devoto consumatore di Diet Coke e Dior Homme, dichiara “Fashion is the healthiest motivation to lose weight”, e Franca Sozzani continua la sua nobile battaglia di educazione alimentare contro i blog pro-ana e pro-mia (ma al contempo ci confonde confessando a Daria Bignardi, durante un’Intervista Barbarica, di non avere mai provato un tiramisù in vita sua), il rapporto tra cibo e moda si fa di questi tempi sempre più stretto.

La partenza del fenomeno è stata cauta e piuttosto ovvia: gli stilisti più noti sono stati invitati a personalizzare il packaging di alcuni prodotti alimentari per scuotere le vendite di marchi che, in ogni caso, non conoscono crisi. Ad esempio, dopo un esercito di altrettanti colleghi di Karl addicted alla cola al saccarosio, che hanno voluto fornirne la loro griffata versione (al punto che faremmo prima a nominare chi non ci si è cimentato...), ecco la notizia dell’approdo alla direzione creativa della Coca Cola Light per il neo-orfano di Vuitton Marc Jacobs, che ha ricoperto di fiocchi, rondini e pois rossi le lattine e mini-bottles della bibita, associandone al trentesimo compleanno 3 sofisticate silhouettes.

I Heart 80s, I Heart 90s e I Heart 00s ripercorrono così, attraverso i suddetti motivi iconici, l’evoluzione della moda femminile lungo queste tre decadi, e saranno distribuite in limited edition - come la griffatissima tote bag in palio, tramite estrazioni a sorte quotidiane - fino al 31 dicembre 2013.

 

 
Moda e Movida. MANUEL PIÑA - Madrid, Museo del Traje - fino al 26-01-2014
Martedì 17 Dicembre 2013 11:00

MODA E MOVIDA - ovvero, DI QUANDO LA RIVOLUZIONE SPOSÒ IL PRÊT-Á-PORTER

Manuel Piña, diseñador de moda (1944-1994) - Madrid, Museo del Traje - fino al 26-01-2014

di Simona Spinola

 

Read moreSolo un trentennio separa l'attuale Spagna della crisi, piegata su sé stessa, dai gloriosi anni Ottanta - dove, in pieno risveglio dal torpore post-dittatura, Madrid trascinava un intero Paese, cavalcando entusiasta l'onda della libertà creativa.

La cosiddetta movida madrileña è molto, molto più di una reazione alla fine della dittatura di Francisco Franco - così come, del resto, sarebbe riduttivo classificarla come un movimento sociale ed artistico avviatosi durante i primi anni della Transizione spagnola. Forse sarebbe meglio parlare di un sogno esploso all'improvviso, in seguito ad un decennio di repressione, in cui, a briglie sciolte, la sperimentazione e l'esasperato bisogno di un cambiamento radicale abbracciavano ideologie libertarie di sinistra per dare adito ad un'illimitata energia artistica.

Bellezza e democrazia, sperimentazione e libertà, modernità e fantasia erano i capisaldi di questo nuovo mood che gravitava attorno alla rivista La Luna e che raggruppava, tra gli altri, esponenti del calibro del musicista Joaquín Sabina, del gruppo Alaska, del fotografo Alberto Garcia Alix e del regista Pedro Almodóvar.

La Capital come nucleo di inquietudini, ed autentica portavoce della rinascita spagnola post-franchista, dopo quarant’anni di silenzio. Anni di estrema provocazione, che - in un mix di trasgressione, eccessi, arte e musica - hanno contribuito a svegliare, scandalizzare e liberare un popolo oramai sopito dalla dittatura.

La Movida segnava così il passaggio da una Nazione chiusa e ostile al cambiamento, ad un Paese moderno e culturalmente aperto.

Il post-dittatura rivendicava la propria ansia di libertà anche e soprattutto nella moda, intesa come espressione di un sé che si scrollava di dosso etichette e restrizioni, per fagocitare influenze random dal resto del mondo, e soprattutto da un'Europa che d'improvviso appariva più vicina.

Impensabile discernere da questo contesto la traiettoria artistica di Manuel Piña, deceduto nel 1994 a soli cinquant'anni.

 

 
W Magazine - The Art Issue 2013, 5 artiste ed un "Monument Man": George Clooney
Sabato 14 Dicembre 2013 09:18

GEORGE CLOONEY COME UN'OPERA D'ARTE (ANZI, 5)

W Magazine, 5 artiste internazionali, ed un Monument Man come Musa

di Francesca Borzacchi

 

Read moreCome interpretare artisticamente lo sfolgorio di una stella è il motif dell’edizione di dicembre 2013 di W Magazine - The art Issue. Cinque artiste, tutte donne, tutte celeberrime all’interno del microcosmo nel quale operano - Yayoi Kusama, Catherine Opie, Karen Kilimnik, Marilyn Minter e Tracey Emin - hanno saputo catturare l’umana luce che emana una star del calibro di George Clooney, e restituirla sotto forma di ciò che meglio maneggiano: un’opera d’arte.

Non che la materia non si prestasse: classe 1961, attore, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico, vincitore di quattro Golden Globes e due Oscar; socialmente impegnato, attivista politico, ironico ed elegante, costantemente cordiale con i fans, e quotidianamente terrorizzato nella pubblicità tv del Nespresso (come riesce a dire lui Volluto...), Clooney ha saputo guadagnare una posizione d’eccellenza all’interno dello star system mondiale, ora impuntandosi sugli ovini (L’uomo che fissa le capre, 2009), ora fluttuando nello spazio (Gravity, 2013), ora tra le nuvole (Up in the air, 2009), in una inarrestabile climax cinematografica costellata di capolavori - sia che fossero da lui interpretati, diretti o anche solo prodotti, come è accaduto per Argo (2013), miglior film dell’anno secondo la giuria assegnataria degli scorsi Oscar.

 

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 24
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews
VARIE_Milano in panico: si respira VARIE_Milano in panico: si respira
 
Giovedì 26 Gennaio 2012 17:19
BOOK_Maurizio Cattelan - All BOOK_Maurizio Cattelan - All
Domenica 22 Gennaio 2012 22:59
VARIE_Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei
Lunedì 09 Gennaio 2012 14:14
BOOK_Favole al Telefono BOOK_Favole al Telefono
Lunedì 09 Gennaio 2012 13:39
VARIE_Se Steve Jobs fosse nato a Napoli
Domenica 08 Gennaio 2012 18:23
ARTE_Il futuro dell'arte e' donna ARTE_Il futuro dell'arte e' donna
Domenica 08 Gennaio 2012 17:02
ARTE_Come ti attiro il Mecenate ARTE_Come ti attiro il Mecenate
Domenica 08 Gennaio 2012 16:12
INTERVISTE_Being Yoko Ono INTERVISTE_Being Yoko Ono
Sabato 29 Gennaio 2011 16:02
INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion
 
Martedì 25 Gennaio 2011 18:04
MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada
 
Martedì 25 Gennaio 2011 15:06

Ma chi cazzo è Celant? Le ire di Vittorio Sgarbi sul caso Expo: che indaghi la procura sul maxi cachet

“Denuncerò alla corte dei conti e alla magistratura tale Celant[…]

Tecnologico e post-moderno: il neo-direttore Christian Greco presenta così il rinnovato Museo Egizio di Torino. Tra tablet e Dante Ferretti

Museo Egizio, il render della Sala di Kha Spazi raddoppiati[…]

Arrestato a Venezia uno dei leader di Voina, collettivo di artisti russi avverso a Putin. Contro l’estradizione l’artworld si mobilita via web

Oleg Vorotnikov, del collettivo Voina, picchiato a Venezia I contorni[…]

Dal 14 ottobre i grandi musei e i loro capolavori al cinema

Dopo il successo della scorsa stagione, che ha presentato i[…]

Come prima, la graphic novel guarda all'Italia!

È una sera di luglio del 1958 quando due fratelli[…]

L'Abbazia di Cerrate tornerà presto a splendere

Nel settembre 2012 la Provincia di Lecce, percorrendo la via[…]

Pholio Urban & Street

Il cantiere archeologico della via Portuensis apre ai visitatori

I recenti scavi nell'area di via Portuense avevano riportato alla[…]