martedì 16 settembre 2014  
HOME | INTERVISTE | SUGGESTIONI E SUPERPOTERI. Doppia intervista a SILVIA ARGIOLAS e GIULIANO SALE
SUGGESTIONI E SUPERPOTERI. Doppia intervista a SILVIA ARGIOLAS e GIULIANO SALE PDF
Lunedì 16 Dicembre 2013 18:52

SUGGESTIONI E SUPERPOTERI

Doppia intervista a SILVIA ARGIOLAS e GIULIANO SALE

di Adriano Annino

 

Silvia Argiolas e Giuliano Sale, ritratto per SeroxCult, 2013“#11: Le persone stupide, o volgari, o malvagie, sono un comodissimo alibi per chi si accontenta di esser diverso da loro: dimostri a te stesso e agli altri di non essere stupido, o volgare, o malvagio, e così ti senti a posto con la tua coscienza, dalla parte giusta.

Può darsi che non sia sbagliato: ma chi possiede un certo senso dell’evoluzione e della crescita, non perderà un solo istante a far la corsa sui modelli più scadenti.

C’è molta più virtù nel coraggio, che non nella virtù [1]”.

 

Utilizzo questa undicesima suggestione, su crescita ed evoluzione, delle 171 del libro Si fa così di Franco Bolelli, per introdurre l’intervista a Silvia Argiolas e Giuliano Sale - entrambi di Cagliari, entrambi del 1977, entrambi finalisti (tra le altre) al Premio Italian Factory e al Premio Celeste, spesso curati da Ivan Quaroni; insieme nell’arte, e nella vita.

 

silvia argiolas, love and hate in the same man, 2013

 

Per dirla ancora alla Bolelli, li ritengo “animati da grande senso dell’impresa; da coraggio, carattere e senso di responsabilità”.

La chiarezza di ciò che accade all’interno del sé e al di fuori, nei vari reali o possibili, è, in tutta la sua semplicità, una conquista difficile. In questo percorso, gli scarti di questa ricerca possono essere empiricamente osservati.

È il loro caso. Questa intervista è solo un veloce pretesto per soffermarsi più a lungo sulla loro pittura.

Poche parole.

Molte suggestioni.

 

Giuliano Sale, The Mirror, 2013

 

Adriano Annino_La vostra ultima mostra personale. Dove, come, quando e perché.

Silvia Argiolas_La mia ultima personale si è tenuta a Padova, ad Ottobre.

Una pace Perfetta, nata da uno studio sulla mitologia e la magia nera, le patologie, le debolezze umane.

 

Silvia Argiolas, Black Spell of Destruction, 2013

 

Giuliano Sale_La mia ultima personale è stata Happiness is a warm gun, da Antonio Colombo a Milano.

Un piccolo progetto, dove ho ripreso a dipingere figure umane dopo tempo che lavoravo sopratutto sul paesaggio.

Il perchè .. ce n'era bisogno.

Sentivo la mancanza delle mie puttane tristi.

 

Giuliano Sale, We can make our fun anyway e Senza Titolo

 

AA_In entrambi i vostri lavori, levità, ironia, disagio, sospensione, ritualità, caos, paradosso appaiono, in modo intermittente, impronte violente e sussurrate.

Come riempite il pozzo da cui attingete tanti elementi, figure, paesaggi e racconti sorprendenti?

SA_Io amo tantissimo il cinema, in particolare quello indipendente - Todd Solondz, Abel Ferrara, Spike Jonze sono tra i miei preferiti. Il cinema mi ha formato, al punto che in passato ho realizzato anche un piccolo dizionario, nel quale parlavo del cinema come cura. Quando vivevo in Sardegna, riuscivo a guardare anche tre film al giorno.

E amo i fatti di cronaca.

E lo studio dei comportamenti umani.

 

Silvia Argiolas, Doppio ricordo, 2013

Silvia Argiolas, Personalità Complessa, 2013

 

GS_Sicuramente anche io attingo dal cinema, e dalla musica. Non che io tragga ispirazione; ormai sono talmente saturo dentro, di fotogrammi e brani musicali, che non posso fare altro che sputarli fuori inconsciamente.

 

Giuliano Sale, Mother Superior, 2013

 

Di inesauribile ispirazione, invece, è il grande teatro umano - in particolare, quello del “mondo” dell'arte...

È pieno di personaggi.

Potenzialmente, ho lavoro per l'eternità.

 

Giuliano Sale, Senza Titolo, 20x20 e 18x24 cm

 

AA_La pittura contemporanea nello scenario internazionale + luoghi, eventi e nomi che suscitano il vostro interesse + un artista con il quale vi piacerebbe fare ricerca.

SA_Sto seguendo con molta ammirazione Field Projects Gallery di New York, una galleria che lavora con giovani curatori partendo da un blog: hanno un database dove, pian piano, contattano gli artisti...

Della scena internazionale, tra gli altri, amo molto Makiko Kudo e Dana Schutz.

 

Silvia Argiolas, Accogliere in sé, 2013

 

GS_Onestamente? Non so che dirti. Penso che, più che scenario, sia da sempre una questione di moda. Di pittori bravi, in ogni caso, ce ne sono tanti, e giustamente sono nelle grandi gallerie... il resto è fuffa, destinata a subire il cambio di stagione.

Perchè dovrei fare ricerca con un altro artista? Il mio artista preferito sono io!

 

Giuliano Sale, La Noia, 2013

 

AA_Cosa significa per voi consapevolezza? Quale valore aggiunto state fornendo all’arte contemporanea?

SA_La consapevolezza è tutto, anche nella vita quotidiana. Logicamente può essere molto dolorosa, perchè - anche quando non siamo consapevoli - il nostro subconscio lavora per noi...

Ma credo di conoscere tutta la mostruosità che è presente dentro di me; dunque, chi ama la mia arte, ama anche i miei mille difetti.

Credo di dare lealtà.

 

silvia argiolas, tutte le volte che non ti ho amato, 2013

 

GS_Sono consapevole di essere un pittore nato, s-fortunatamente, in Italia. Là fuori, oltre, si dà importanza alla pittura per quello che è, e non per chi è.

Il mio valore aggiuntivo è l'assoluta onestà in quello che faccio. Sembra una cazzata, ma di pittori o artisti che lavorano onestamente nei confronti di se stessi ne vedo davvero pochi.

 

Giuliano Sale, La deposizione, 2013

 

AA_Giuliano, forse non tutti sanno che... sei anche un po’ un Fonzie milanese (e qui tradisco la mia passione per Happy Days): attorno a te ruotano ammirati diversi giovani artisti.

Ma il suo motto, se non sbaglio, era: “le ragazze si cambiano, gli amici no”... A questo punto, Silvia, vorresti svelarci i tuoi superpoteri?

SA_I miei superpoteri? Non aver avuto niente in regalo, sin da quando sono nata!

 

Silvia Argiolas, Another happy day, 2013

 

GS_[ride] Ma non mi sento per niente come Fonzie! Poi... milanese, addirittura...

Sicuramente, la tua ironica visione è data dal fatto che durante i vernissage si beve qualche bicchiere in più, e si sorride e scherza in gruppo con più facilità.

Quello che dico e penso sempre è “Non siamo amici. Sono solo ubriaco”.

 

Giuliano Sale, Senza Titolo, 2013, 30x30 e 20x20 cm

 

*** *** *** *** *** ***

 

Silvia Argiolas: her statement

Silvia Argiolas, La decisione, 2013Il mio lavoro nasce da una trasformazione introspettiva di quello che capita nella mia esistenza. Parte dalle persone che mi vivono vicino, dagli spazi, dagli odori e dai fatti di cronaca con i quali vengo a contatto. Anche il cinema ha un ruolo importante. Amo gli autori che parlano del disagio giovanile, come Roberto Rossellini, Todd Solondz e Larry Clark. Il cinema ti aiuta a confrontarti con altri mondi, a provare empatia. Il mio lavoro non è mediato da bozzetti o disegni preparatori, perché preferisco intervenire direttamente sulla carta o sulla tela, assecondando le sensazioni che provo in quel momento.

Molti dei personaggi che affollano le mie tele, anche contemporaneamente, assomigliano vagamente alla mia persona, rubandomi l’identità. Questo mi permette di essere parte integrante della narrazione, e il dipingere diventa per me una sorta di psicanalisi. Un altro particolare importante sono le tematiche, da una parte intime e personali ma anche sociologiche, con una valenza soggettiva. Mi pongo di continuo domande sui comportamenti umani, che però tratto con curiosità, senza alcun giudizio, perché non voglio essere io a delineare i “buoni” e i ”cattivi”. Compito che, a limite, lascio allo spettatore. Anche i miei paesaggi sono molto interiorizzati, con colori sempre molto forti e acidi, ideali per definire luoghi dove avvengono catarsi, esorcismi e momenti rigeneratori. I titoli delle mie opere, infine, hanno un ulteriore ruolo importante, aggiungendo degli aspetti che appaiono fondamentali per la visione stessa dell’opera, completandola”.

www.silviaargiolas.com

 

Giuliano Sale: his statement

Giuliano Sale, Senza Titolo, 2013, 40x40cmIl mio lavoro attuale trae ispirazione prevalentemente da situazioni folkloristiche (immagini recuperate in maggior parte da internet e riviste) per trasformarsi e prendere forma in situazioni inquietanti, emblematiche ed imprevedibili. L'erotismo è indagato con distacco. Contrasta con la forza e bellezza della rappresentazione. Il ritratto è affrontato in tutta la sua ambiguità, liberato dai canoni estetici attuali. Nelle nature è sufficiente un minimo dettaglio, un particolare fuori posto, fuori registro, e il tutto assume una tensione inaspettata, dove crollano certezze ed interpretazioni.

Di fronte ai miei dipinti si prova un piacevole disorientamento temporale, si respira la storia dell'arte senza che ci sia conoscenza scolastica. Cerco di “rappresentare” il dubbio, l'indefinito, l'incerto. Si assiste alla perdita dei confini fra i generi, fra il bello ed il brutto, fra il bene ed il male. In questo viaggio, al cui centro c'è l'uomo, sono scomparsi i punti di riferimento, i punti cardinali, s'è persa la via maestra.

Mi definisco un pittore severo e rigoroso, lontano dalle mode, irriverente e fustigatore, esploratore di confini indefiniti. Interprete della Zona Grigia oggi imperante. Mai come in questo caso, in un’epoca di facile serialità e riproducibilità, di gigantismo scenografico e di certo concettualismo di maniera, sono sicuro che “l'antica” - ma sempre attuale - pittura sappia dimostrare di saper suscitare emozioni uniche ed irripetibili”.

www.giulianosale.com

 

Didascalie immagini:

 

1_ritratto di Silvia Argiolas & Giuliano Sale [16.12.2013, ossia: oggi, ossia: scattata per SeroxCult]

2_ Silvia Argiolas, Love and Hate in the same man [2013] - olio su tela, 100x80 cm

3_ Giuliano Sale, The Mirror [2013] - olio su tela, 100x110 cm

4_Silvia Argiolas, Black Spell of Destruction [2013] - olio su tela, 80x120 cm

5_Giuliano Sale, We can make our fun anyway [2013] - olio su tela, 30x24 cm | Senza Titolo [2013] - olio su tela, 30x30 cm

6_Silvia Argiolas, Doppio ricordo [2013] - tecnica mista su carta, 23x24 cm

7_Silvia Argiolas, Personalità complessa [2013] - olio e smalto su tela, 110x150 cm

8_Giuliano Sale, Mother Superior [2013] - olio su tela, 80x80 cm

9_Giuliano Sale, Senza Titolo [2013] - olio su tela, 20x20 cm | olio su tela, 18x24 cm

10_Silvia Argiolas, Accogliere in sé [2013] - olio su tela, 100x110 cm

11_Giuliano Sale, La Noia [2013] - olio su tela, 50x60 cm

12_Silvia Argiolas, Tutte le volte che non ti ho amato [2012, 2013] - 260 disegni su carta, dimensioni ambientali

13_Giuliano Sale, La deposizione [2013] - olio su tela, 80x100 cm

14_Silvia Argiolas, Another happy day [2013] - olio su tela, diametro 30 cm

15_Giuliano Sale, Senza Titolo [2013] - olio su tela, 30x30 cm | olio su tela, 20x20 cm

16_Silvia Argiolas, La decisione [2013] - olio su tela, 70x100 cm

17_Giuliano Sale, Senza Titolo [2013] - olio su tela, 40x40 cm


Per le immagini di Silvia Argiolas, courtesy: l'artista

Per le immagini di Giuliano Sale, courtesy: Antonio Colombo Arte Contemporanea



[1] Si fa così, Franco Bolelli, Add Editore.

 

condividi le tue IDEE
lascia un COMMENTO

avatar sarah
+5
 
 
Trovo che Silvia Argiolas abbia una forza e un'energia creativa molto, molto interessanti. Sarah Bowyer
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Simone Scelsa
+2
 
 
due tra i giovani artisti più promettenti del panorama dell'arte contemporanea italiana. Silvia lavora su matrici cromatiche molto interessanti che richiamano alcuni lavori, ad esempio, di Daniel Richter, senza nessun intento emulativo ma con uno sviluppo personalissimo e talentuoso. Giuliano tratta tematiche più care all'arte tradizionale come il ritratto e il nudo, con un talento e un'atmosfera che ricordano a tratti Borremans. Sono artisti sui quali investire senza esitazioni... Finché si può!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Silvia
0
 
 
Grazie!!!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar manuela mantegazza
+4
 
 
Grazie Adriano per questa bellissima intervista. Mi piacciono i lavori di entrambi, anche se non nego di aver sempre avuto una predilezione per il mondo magico e inquieto di Silvia Argiolas.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar silvia Argiolas
+1
 
 
Grazie :)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Adriano Annino
0
 
 
Grazie a te Manuela.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Miguel
+1
 
 
Fantastici
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Invia Commento


Condividi
 
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews
VARIE_Milano in panico: si respira VARIE_Milano in panico: si respira
 
Giovedì 26 Gennaio 2012 17:19
BOOK_Maurizio Cattelan - All BOOK_Maurizio Cattelan - All
Domenica 22 Gennaio 2012 22:59
VARIE_Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei
Lunedì 09 Gennaio 2012 14:14
BOOK_Favole al Telefono BOOK_Favole al Telefono
Lunedì 09 Gennaio 2012 13:39
VARIE_Se Steve Jobs fosse nato a Napoli
Domenica 08 Gennaio 2012 18:23
ARTE_Il futuro dell'arte e' donna ARTE_Il futuro dell'arte e' donna
Domenica 08 Gennaio 2012 17:02
ARTE_Come ti attiro il Mecenate ARTE_Come ti attiro il Mecenate
Domenica 08 Gennaio 2012 16:12
INTERVISTE_Being Yoko Ono INTERVISTE_Being Yoko Ono
Sabato 29 Gennaio 2011 16:02
INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion
 
Martedì 25 Gennaio 2011 18:04
MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada
 
Martedì 25 Gennaio 2011 15:06

Milano cuore d’Europa

Il cuore del semestre italiano di presidenza del Consiglio dell’Unione[…]

Finestra con vista

Sono circa 40 gli artisti di diversa provenienza (scultori, pittori,[…]

Il momento buono per un salto a Berlino. Parte la terza edizione dell’Art Week tedesca, in campo musei, centri d’arte e due fiere, abc e la debuttante Positions

Non c’è ormai città del globo che non si regali[…]

César Cini incontra i suoi designer europei. Rendez-vous a Torino, con Adriano Design

Terza puntata del viaggio di César Cini, negli studi di[…]

Si inaugurano i nuovi spazi del gallerista romano Giacomo Guidi. 1500 metri quadrati a Trastevere, ecco le immagini delle tre mostre allestite…

A giudicare dal tam tam che sta correndo, fra social[…]

La piccola danzatrice di Degas alla conquista di Washington

“Ripugnante”. “Una minaccia per la società”. “Tutti i vizi imprimevano[…]

Campiello: stravince Fontana, il più giovane in cinquina

Il 33enne ha sbaragliato tutti con «Morte di un uomo[…]

FLOWERS, LACE & TRANSPARENCIES: THE GIPSY WOODSTOCK SPIRIT OF MARCHESA

Marchesa Spring/Summer 2015 Flowers, lace and transparencies, feature in the[…]