martedì 22 luglio 2014  

fotografia

L'autismo salvifico della Bellezza. Intervista a MUSTAFA SABBAGH
INTERVISTE
Venerdì 20 Dicembre 2013 10:00, Scritto da Fabiola

MUSTAFA SABBAGH E L’AUTISMO SALVIFICO DELLA BELLEZZA

L’Estetica dell’Imperfezione, la Moda e l’Anti-Moda. Intervista a Mustafa Sabbagh

di Fabiola Triolo

 

Nell'articolo sono presenti immagini inedite: ai lettori di Serox, Mustafa propone di scoprire quali...

 

 

Read moreNon amo le cose che non riescono a pungermi, a tagliarmi dentro, a toccarmi.

La Bellezza è qualcosa che fa male, ma non per quello bisogna evitarla, anzi.

Siamo un po’ tutti masochisti, in fondo, e l’atto più bello del masochismo è amare la Bellezza.

Un sadico non può amare la Bellezza”.

 

La Bellezza non è una composizione floreale, rigida nella sua artificiosa armonia. La bellezza è il vaso che la contiene, quando si infrange dinamico in mille taglienti pezzi.

Non è la sinuosità di un corpo costruito, ma la carnalità della pelle - con i suoi pori, le nervature, le sue vene.

Bello non è il semplice bagnarsi, ma immergersi a fondo, un attimo prima di affogare.

La Bellezza è un’eiaculazione di immagini che sfogano da un amplesso intenso e tormentato, è lo sforzo intuitivo sotteso al deciframento dell’espressività, nascosta da un velo. Non ci sono sorrisi costruiti, ma maschere che li coprono; non esistono pose plastiche, se non quella - naturale, umana - della crocifissione.

La Bellezza più autentica è autistica, vive in un mondo a sé, destabilizzando il conforto, banale e massivo, dello status quo del mercato della moda.

Isolata dalle logiche commerciali imperanti, potentemente inconsapevole della sua sacralità, il suo sacerdote è Mustafa Sabbagh.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Gennaio 2014 17:06
PREMIO FABBRI 2013: i vincitori e la collettiva a Villa Brandolini, Pieve di Soligo (TV) - fino al 22.12.2013
ARTE
Mercoledì 11 Dicembre 2013 09:36, Scritto da Fabiola

UNO SGUARDO CORALE SUL PRESENTE

Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee: i vincitori della seconda edizione

Collettiva delle 60 opere finaliste a Villa Brandolini, Pieve di Soligo (TV) - fino al 22.12.2013

di Lucia Longhi

 

Read moreArrivato alla sua seconda edizione, il Premio indetto dalla Fondazione Fabbri si è affermato come valido termometro della situazione artistica attuale, dimostrandosi efficace nel suo intento di rintracciare le personalità emergenti più meritevoli e rappresentative delle pratiche artistiche contemporanee.

Le candidature sono state numerose e provenienti da tutto il Paese, a riprova del fatto che il Premio é considerato valido banco d'esame per una situazione italiana in cui l'urgenza non sta nella quantità, ma nella qualità.

Dalle opere scelte dalla commissione, presieduta dal curatore Carlo Sala, sembrano emergere alcuni temi come comuni denominatori: la sospensione, l'assenza, il monito, il processo reiterato, la lentezza.

Tra i sessanta finalisti dunque, due i vincitori: Silvia Camporesi per la sezione Fotografia contemporanea, e Luca De Angelis per Arte emergente.

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 11 Dicembre 2013 10:35
BERENICE ABBOTT - Milano, Galleria Carla Sozzani - fino al 6.01.2014
ARTE
Sabato 07 Dicembre 2013 11:00, Scritto da Fabiola

I TEMPI MODERNI DI BERENICE

BERENICE ABBOTT - Milano, Galleria Carla Sozzani - fino al 6.01.2014

di Valeria Ribaldi

 

Read moreSi dice che quando Man Ray, nel ’23, cercasse qualcuno per aiutarlo nella camera oscura del suo studio di Montparnasse, scelse Berenice Abbott perché totalmente digiuna di fotografia, dunque più incline a seguire i suoi ordini/indicazioni. Ma l’attrazione della Abbott per quella disciplina fu talmente immediata e naturale che lo stesso Man Ray ne percepì subito il talento, e le permise col tempo di usare il suo studio.

La mostra in esposizione alla Galleria Carla Sozzani fino al 6 gennaio è un percorso attraverso lo sguardo della fotografa (Springfield, 1898 - Monson, 1991), che ci accompagna tra le strade di una Big Apple in trasformazione, nel mezzo di un gruppo di artisti e letterati e, infine, alla visione di una serie di studi, a dimostrazione di quanto scienza ed arte possano avvicinarsi l’una all’altra, attraverso il medium fotografico.

 

Ultimo aggiornamento Sabato 07 Dicembre 2013 11:38
Ol’ga Tobreluts, NUOVE MITOLOGIE - Roma, VISIVA - fino al 14.10.2013
ARTE
Giovedì 10 Ottobre 2013 10:44, Scritto da Fabiola

NUOVE MITOLOGIE NEL PANTHEON DI VISIVA

Ol’ga Tobreluts, Nuove Mitologie - Roma, Visiva - fino al 14.10.2013

di Giorgia Noto

 

Read moreSotto il velo dei pixel, dalla Russia, i miti di oggi indossano sembianze cultuali, e gli spifferi di un passato classico danzano note contemporanee.

Nuove Mitologie è una pixelata serie d’immagini dell’artista russa Ol’ga Tobreluts, in mostra dal 20 settembre fino al 14 ottobre, e curata dallo storico dell’arte Arkadyi Ippolitov.

 

Ma c’è di più: un nuovo centro culturale è presente nella Capitale: Visiva - Città dell’Immagine, che - con i suoi 7000 mq di superficie, si candida ad essere il centro per le arti più grande d’Italia, all’interno del quale didattica e programmazione culturale si uniranno, consolidando una riqualificazione già in atto nella zona Sud di Roma. I vicini di casa di Visiva sono infatti la celebre Maison de la Danse, Pianura Studio con i suoi 6.000 mq dedicati alla moda, e la Fonderia delle Arti, luogo tutto orientato verso la musica ed il teatro.

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Ottobre 2013 11:47
BLUMENFELD: NEW YORK, 1941-1960 - Londra, Somerset House - fino all’1.09.2013
MODA
Mercoledì 28 Agosto 2013 00:00, Scritto da Fabiola

IN THE NAME OF WOMAN. ERWIN BLUMENFELD ALLA SOMERSET HOUSE

Blumenfeld: New York, 1941-1960 - Londra, Somerset House - fino all’1.09.2013

di Francesca Borzacchi

 

Read more"I was an amateur - I am an amateur - and I intend to stay an amateur.

To me, an amateur photographer is one who is in love with taking pictures,

a free soul who can photograph what he likes and who likes what he photographs. […]

The wonder that the camera can really reproduce anything shown to it, still astounds me;

and I am strongly determined to show the lens a more exciting, dramatic and beautiful way of presenting life[1]".

[Erwin Blumenfeld, Popular Photography, 1948]

 

 

 

Uno scatto: un volto.

Un secondo scatto: un cappello.

Terzo scatto: un guanto bianco.

Il quarto: una sigaretta accesa tra labbra rosso fuoco. Nuvola di fumo.

I ritratti di Erwin Blumenfeld - colui che fu innovatore della fashion photography, raccolto il testimone di Edward Steichen - sono ordinatamente esposti tra le sale della East Wing Gallery, alla Somerset House di Londra, uniti da un fil rouge invisibile, ma tangibile, chiamato passione.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 29 Agosto 2013 10:55
A GLIMPSE AT PHOTO VOGUE - Milano, Galleria Carla Sozzani - fino al 10.08.2013
MODA
Martedì 30 Luglio 2013 10:47, Scritto da Fabiola

UNO SCORCIO DI BELLEZZA. IN MOSTRA 25 GIOVANI FOTOGRAFI SCELTI DA VOGUE

A glimpse at Photo Vogue - Milano, Galleria Carla Sozzani - fino al 10.08.2013

di Fabiana Mariani

 

Read moreQuando, nel 2009, la Galleria e l’Agenzia Grazia Neri chiusero le loro attività, ricordo di essere piombata velocemente in tutte e cinque le fasi di elaborazione del lutto. Avevo perso la punta di diamante delle tre gallerie di fotografia che da diversi anni frequentavo religiosamente, sin dai tempi del liceo: Photology, Galleria Carla Sozzani e Galleria Grazia Neri.

Il dolore di questa perdita era amplificato da tutte quelle suggestioni della memoria che rendono ogni episodio adolescenziale viscerale e memorabile, dalla prima sbandata per il nuovo compagno di classe, allo scioglimento della propria band preferita.

Come si impara poi col tempo, tutto lentamente si assesta, e il dolore si dimentica: Grazia Neri ora prosegue la sua attività organizzando mostre in spazi nuovi, l’archivio analogico dell’agenzia è al sicuro nella collezione del Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo (MI) sotto il nome di Fondo Grazia Neri, e le band degli anni ’90 tornano in pista con concerti amarcord per trentenni nostalgici (informazioni sul compagno di liceo n.p.).

 

Torno quindi in Corso Como, carica come sempre di aspettative, per visitare una nuova esposizione intitolata A Glimpse at Photo Vogue, ennesima collaborazione delle ormai note sorelle Sozzani: Franca, la più giovane, è direttrice dal 1988 di Vogue Italia, mentre Carla, giornalista e stilista, nel 1991 ha aperto il concept store 10 Corso Como, con annessa galleria fotografica e micro-hotel.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 30 Luglio 2013 11:37
A.I. 2013 per AltaRoma: ROMA CAPUT DIVINA - una Wunderkammer nella Biblioteca Angelica
MODA
Lunedì 15 Luglio 2013 13:04, Scritto da Fabiola

LUOGHI SOSPESI NELL’INCANTO DI UNA WUNDERKAMMER

A.I. 2013 per AltaRoma: Roma Caput Divina - Roma, Biblioteca Angelica

di Giorgia Noto

 

Read moreIl magico paradosso della contemporaneità è che è in grado di vestirsi con abiti e accessori apparentemente permeati di una coltre di antichità e di quel fascinoso gusto della memoria, restituendo nell’insieme un modulo assolutamente al passo con i tempi.

Entrare nella seicentesca Biblioteca Angelica di Roma - uno dei due spazi dove, lo scorso lunedì, si è svolta una nuova edizione di A.I. - Roma Caput Divina, è stato come immettersi in una realtà parallela.

Molto più che entrare in un set cinematografico, è sembrato di trovarsi in uno spazio direttamente aperto, all’interno di un immaginario. Un tocco tangibile del surreale.

Tra passato e iper-presente, la sapiente manualità dell’artigianato d’autore si fonde con il linguaggio visivo dell’arte contemporanea, creando una moda che non è semplicemente qualcosa da indossare, ma l’esternazione di un mondo interiore, una seconda pelle che racconta stati d’animo.

Ultimo aggiornamento Domenica 04 Agosto 2013 18:09
OGNI UOMO È UN’ISOLA, a cura di F. La Paglia - Torino, Galleria Martano - finissage 16.06.2013
ARTE
Venerdì 14 Giugno 2013 19:20, Scritto da Fabiola

L’ISOLA BAMBINA

Ogni uomo è un’isola, a cura di F. La Paglia - Torino, Galleria Martano - finissage 16.06.2013

di Rita Salvadei

 

Read moreL'infanzia è ciò di cui si nutre l'adulto.

È attraverso il confronto con l’infanzia vissuta che l’adulto può tracciare nuovi cammini, in una continua ed inevitabile separazione e identificazione, finalizzate a un percorso di autocoscienza.

A questo tema è dedicata la mostra Ogni uomo è un'isola, a cura di Federica La Paglia, inaugurata il 16 maggio presso la Galleria Martano di Torino, in concomitanza con l’apertura del Salone del Libro.

 

“[...] diceva che ogni uomo è un’isola, ma io, siccome la cosa non mi riguardava visto che sono una donna, non gli davo importanza. Voi che ne pensate? Che bisogna allontanarsi dall’isola per vedere l’isola, e che non ci vediamo se non ci allontaniamo da noi. Se non ci allontaniamo da noi stessi, intendete dire, non è la medesima cosa”.

José Saramago, Il racconto dell’isola sconosciuta

 

Il progetto, partendo da questa citazione, indaga l’indissolubile relazione esistente tra l'uomo adulto e il suo sé bambino, in una continua commistione stratificata dell’Io.

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 14 Giugno 2013 19:37
SFILATE D'OMBRE E CANTI ORIGINARI - Intervista a NICOL VIZIOLI
INTERVISTE
Domenica 02 Giugno 2013 18:48, Scritto da Fabiola

SFILATE D’OMBRE E CANTI ORIGINARI

Intervista a Nicol Vizioli

di Sara Cecchetto

 

Read moreCapita d’imbattersi in opere che sembrano richiamarci non da, ma in un sogno - di quei sogni ricorrenti, che più fanno parte della profondità del nostro essere, che ci appartengono e cui apparteniamo.

E, se capita, irresistibile si percepisce l’istinto d’avvicinarsi – un’attrazione ancestrale ci sospinge a scrutarne i misteri.

Quando capita, entrando in contatto con un’autrice d’immagini di questo genere, non si può resistere alla tentazione di porle delle domande, per entrare nei suoi lavori e nei suoi - nei nostri - sogni.

 

Nicol Vizioli, giovane artista romana, londinese d’adozione, gode di quel dono grazie al quale intuizione ed impulso diventano opera d’arte.

I suoi scatti dipingono, tra sfumature e pennellate - frutto della sua originaria passione per la pittura, evolutasi in amore per la fotografia - una realtà onirica ed evocativa, popolata di auratiche visioni di un’umanità colta in tutte le sue sfaccettature.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 03 Giugno 2013 11:15