martedì 02 settembre 2014  

Ophelia

Group show. O [Eau] - Palermo, Palazzo Ziino - fino al 30.03.2013
ARTE
Mercoledì 20 Marzo 2013 11:23, Scritto da Fabiola

BEING OPHELIA

Group show. O [Eau] - Palermo, Palazzo Ziino - fino al 30.03.2013

di Giovanna Marascia

 

Read moreUn sabato palermitano come tanti altri.

 

Forse un po’ più freddo di tanti altri, in questo incerto e confuso mese di marzo.

 

Mi incammino da casa verso via Dante, trafficata come tutti i giorni, tra lo scorrazzare delle auto che salgono verso la Zisa e i passanti di ritorno a casa da lavoro, o appena usciti per l’aperitivo di fine settimana.

 

Il cappotto addosso e un cappello per la pioggia che può cadere da un momento all’altro, come succede spesso in quei giorni che intercorrono tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera.

 

Non piove, o quantomeno non piove ancora.

Ma dentro Palazzo Ziino è come se piovesse.

Come se si concentrasse tutta l’acqua che non è caduta nel corso della giornata.

 

Dalla prima all’ultima stanza che ospita la mostra O [Eau], un unico filo conduttore: un fiume che sgorga e attraversa lo spazio, in maniera fluida.

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Marzo 2013 12:48
IN UN TEMPO INDEFINITO, LA DANZA DI SILVIA - Intervista a SILVIA CAMPORESI
INTERVISTE
Venerdì 18 Settembre 2009 00:00, Scritto da Valentina

IN UN TEMPO INDEFINITO, LA DANZA DI SILVIA

Intervista a SILVIA CAMPORESI

di Loredana Barillaro


pubblicato il 18/09/2009


Read moreSilvia Camporesi è una giovane artista di straordinario talento e comprovata perizia.

Le sue foto esibiscono sovente una concretezza tipica del nostro tempo, altre volte sono pronte a  negare tale corporeità, all’interno di una riflessione concettuale che si fa voragine di simboli, atteggiamenti, movenze e passioni.

Un’indagine sull’uomo contemporaneo, sulla sua componente femminile, su quel carattere - leggiadro quanto ambiguo - che contraddistingue così spesso il suo lavoro.

Immagini che si fissano all’interno di ambiti e scenari in cui il tempo e lo spazio sembrano non avere sostanza, divengono indefiniti. Ed è in questo tempo e in questo spazio che Silvia costruisce le sue immagini, mette in posa i suoi attori, dona vita alle sue idee e ai suoi tormenti.

E forza alle sue visioni, che si fanno imperturbabili nella loro perfezione.

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 11 Dicembre 2013 11:32