giovedì 23 ottobre 2014  

Marta Pellerini

Kostis Velonis, GRA(M)MARY OF PUPPETRY - Roma, Galleria Monitor - fino al 4.05.2013
ARTE
Lunedì 22 Aprile 2013 12:49, Scritto da Fabiola

LA SOTTILE LINEA TRA FINZIONE E REALTÀ

Kostis Velonis, Gra(m)mary of Puppetry - Roma, Galleria Monitor - fino al 4.05.2013

di Marta Pellerini

 

Read moreImmaginate un mondo parallelo al nostro, fatto di marionette di legno o di stoffa i cui fili vengono mossi da un burattinaio, che ne decide movimenti e gesti.

Un mondo in cui il teatro, da pura finzione, si trasforma in realtà vera e propria, all’interno del quale ogni soggetto è pilotato da un’entità invisibile.

 

Nella sua ultima personale, inaugurata il 28 marzo alla galleria Monitor di Roma, l’artista greco Kostis Velonis - la cui ricerca spazia dal costruttivismo russo al Bauhaus, passando per i movimenti radicali del ’68 e i differenti sottogeneri di Democrazia - riesce a farci immergere in questo universo fatto di riferimenti al teatro, alla mitologia greco-romana, al cosmo, ma anche di attinenze al moderno.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Aprile 2013 11:43
DAMIEN HIRST, The Complete Spot Paintings 1986-2011 - Gagosian Galleries - a Roma dal 12.01 al 10.03.2012
ARTE
Mercoledì 25 Gennaio 2012 12:21, Scritto da Fabiola

LO SPOT GLOBALE DI DAMIEN HIRST

DAMIEN HIRST, The Complete Spot Paintings 1986-2011

Gagosian Galleries - a Roma dal 12 gennaio al 10 marzo 2012

di Marta Pellerini

 

Read moreDomanda: quale artista al giorno d’oggi riesce a vantare l’apertura simultanea di tutte le undici sedi della Gagosian Gallery? Solo lui, Damien Hirst.

The Complete Spot Paintings 1986-2011, inaugurata il 12 gennaio, è l’ultima delle fatiche, se così si può definire, del controverso artista inglese.


La mostra comprende oltre 300 dipinti diversi - 18 nella sede romana - provenienti da collezioni pubbliche e private, il cui valore oscilla tra alcune centinaia di migliaia e il milione di dollari. Creati con uno smalto usato in ambito industriale, vanno dal più piccolo spot painting - realizzato nel 1996, che presenta la metà di uno spot di 2.55 x 1.27 centimetri - ai lavori monumentali composti da quattro spots, ognuno di 152.40 centimetri di diametro; dal primo spot su tavola, realizzato nel 1986, fino al più recente completato nel 2011, con 25.781 spots di un solo millimetro di diametro, i cui colori non sono mai ripetuti.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 25 Gennaio 2012 13:07
ALEXANDRE SINGH, Assembly Instructions: The Pledge - Roma, Galleria Monitor – dal 17.11.2011 al 4.02.2012
ARTE
Venerdì 02 Dicembre 2011 11:32, Scritto da Fabiola

INTERVISTE VISIVE

ALEXANDRE SINGH, Assembly Instructions: The Pledge

Roma, Galleria Monitor – dal 17.11.2011 al 4.02.2012

di Marta Pellerini


Read moreA distanza di quattro anni dalla splendida The Marque of the Third Stripe (Maggio 2008), la Galleria Monitor è lieta di presentare Assembly Instructions: The Pledge, seconda mostra di Alexandre Singh in questi spazi.

Qui, l’artista francese presenta la seconda parte di una personale cominciata a settembre 2011 nella galleria art:concept di Parigi, dove le interviste realizzate da lui stesso a diversi personaggi della scena artistica mondiale, successivamente pubblicate sul magazine Palais, si concretizzano in un vero e proprio ritratto - visivo e romanzato - di ciascuno di loro.


Nella prima mostra sono state proposte rielaborazioni immaginifiche del pensiero di Marc-Olivier Wahler, direttore del Palais de Tokyo di Parigi, Leah Kelly, neurobiologa alla Rockfeller University di New York, e Alfredo Arias, commediografo, regista e attore; nell’esposizione in Capitale continuano ad essere presentati i ritratti di Alfredo Arias e Marc-Olivier Wahler, con l’aggiunta dell’artista Simon Fujiwara.

Ultimo aggiornamento Venerdì 02 Dicembre 2011 11:58