giovedì 31 luglio 2014  

Giorgia Noto

ANNI 70. ARTE A ROMA - Roma, Palazzo delle Esposizioni - fino al 2 03 2014
ARTE
Lunedì 17 Febbraio 2014 11:12, Scritto da Fabiola

C’ERA UNA VOLTA... L’ARTE CONTEMPORANEA A ROMA

Anni ’70. Arte a Roma - Roma, Palazzo delle Esposizioni - fino al 2 03 2014

di Giorgia Noto

 

Read moreLa storia insegna, o almeno così si dice, e quella porzione di storia che viene raccontata in questi mesi al Palazzo delle Esposizioni è la narrazione di ciò che avvenne in quella decade veloce che furono gli Anni ‘70 a Roma, e che potrebbe far riflettere sul destino di un centro per l’arte contemporanea così prolifico e incandescente come quello della Capitale, che si è andato poi, lentamente, affievolendo.

La mostra Anni ’70. Arte a Roma, a cura di Daniela Lancioni, estende e continua il ciclo dei lavori e delle ricerche avviato con la realizzazione, nel 1995 e sempre al Palazzo delle Esposizioni, dell’esibizione Roma in mostra 1970 -1979. Materiali per la Documentazione di mostre, azioni, performance, dibattiti, a cura della stessa Lancioni assieme a Cinzia Salvi.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 17 Febbraio 2014 12:54
Ol’ga Tobreluts, NUOVE MITOLOGIE - Roma, VISIVA - fino al 14.10.2013
ARTE
Giovedì 10 Ottobre 2013 10:44, Scritto da Fabiola

NUOVE MITOLOGIE NEL PANTHEON DI VISIVA

Ol’ga Tobreluts, Nuove Mitologie - Roma, Visiva - fino al 14.10.2013

di Giorgia Noto

 

Read moreSotto il velo dei pixel, dalla Russia, i miti di oggi indossano sembianze cultuali, e gli spifferi di un passato classico danzano note contemporanee.

Nuove Mitologie è una pixelata serie d’immagini dell’artista russa Ol’ga Tobreluts, in mostra dal 20 settembre fino al 14 ottobre, e curata dallo storico dell’arte Arkadyi Ippolitov.

 

Ma c’è di più: un nuovo centro culturale è presente nella Capitale: Visiva - Città dell’Immagine, che - con i suoi 7000 mq di superficie, si candida ad essere il centro per le arti più grande d’Italia, all’interno del quale didattica e programmazione culturale si uniranno, consolidando una riqualificazione già in atto nella zona Sud di Roma. I vicini di casa di Visiva sono infatti la celebre Maison de la Danse, Pianura Studio con i suoi 6.000 mq dedicati alla moda, e la Fonderia delle Arti, luogo tutto orientato verso la musica ed il teatro.

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Ottobre 2013 11:47
A.I. 2013 per AltaRoma: ROMA CAPUT DIVINA - una Wunderkammer nella Biblioteca Angelica
MODA
Lunedì 15 Luglio 2013 13:04, Scritto da Fabiola

LUOGHI SOSPESI NELL’INCANTO DI UNA WUNDERKAMMER

A.I. 2013 per AltaRoma: Roma Caput Divina - Roma, Biblioteca Angelica

di Giorgia Noto

 

Read moreIl magico paradosso della contemporaneità è che è in grado di vestirsi con abiti e accessori apparentemente permeati di una coltre di antichità e di quel fascinoso gusto della memoria, restituendo nell’insieme un modulo assolutamente al passo con i tempi.

Entrare nella seicentesca Biblioteca Angelica di Roma - uno dei due spazi dove, lo scorso lunedì, si è svolta una nuova edizione di A.I. - Roma Caput Divina, è stato come immettersi in una realtà parallela.

Molto più che entrare in un set cinematografico, è sembrato di trovarsi in uno spazio direttamente aperto, all’interno di un immaginario. Un tocco tangibile del surreale.

Tra passato e iper-presente, la sapiente manualità dell’artigianato d’autore si fonde con il linguaggio visivo dell’arte contemporanea, creando una moda che non è semplicemente qualcosa da indossare, ma l’esternazione di un mondo interiore, una seconda pelle che racconta stati d’animo.

Ultimo aggiornamento Domenica 04 Agosto 2013 18:09
55a BIENNALE DI VENEZIA - Il Palazzo Enciclopedico: Padiglioni Giappone, Stati Uniti, Belgio
ARTE
Lunedì 08 Luglio 2013 09:16, Scritto da Fabiola

55a BIENNALE DI VENEZIA: NARRAZIONE DI UNA SINCOPATA CONTEMPORANEITÀ

Il Palazzo Enciclopedico: Padiglioni Giappone, Stati Uniti, Belgio

Venezia, Giardini - fino al 24.11.2013

di Giorgia Noto

 

Read moreAttraversando i Giardini e l’Arsenale di questa 55a Biennale di Venezia, e a partire dalla Mostra Internazionale d’Arte curata da Massimiliano Gioni, fino ai vari Padiglioni Nazionali, molte opere e molti progetti esposti riguardano una sentita crisi generale che coinvolge la contemporaneità, su diversi fattori e livelli.

 

Soprattutto, essi richiedono sedimentazione ed apertura a momenti di riflessione o dialogo.

 

Si esce e si entra, dalla dimensione del collettivo a quella personale, a seconda di quale aspetto o punto di vista di questa narrazione della crisi sia stato scelto di raccontare, di mostrare.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 08 Luglio 2013 10:14
MEDITERRANEA 16: Biennale Giovani Artisti. Errors Allowed - Ancona, Mole Vanvitelliana - fino al 7.07.2013
PERFORMANCE
Giovedì 04 Luglio 2013 10:22, Scritto da Fabiola

UNA GEOGRAFIA UMANA

Mediterranea 16: Biennale Giovani Artisti. Errors Allowed

Ancona, Mole Vanvitelliana - fino al 7.07.2013

di Giorgia Noto

 

Read moreLa Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo (BJCEM – Biennale des jeunes créateurs de l’Europe et de la Méditerranée) è un network internazionale, che giunge con Mediterranea 16 – Biennale Giovani Artisti alla sua sedicesima edizione.

La mostra, con una programmazione live di tre giorni, è stata inaugurata il 6 giugno presso l’imponente cornice della Mole Vanvitelliana di Ancona.

Per questa occasione, la BJCEM propone un approccio ed una realizzazione dell’evento diversi rispetto alle passate edizioni, a partire dal team curatoriale, composto da  ben otto elementi di differenti nazionalità - Charlotte Bank, Alessandro Castiglioni, Nadira Laggoune, Delphine Leccas, Slobodne Veze\Loose Associations (Nataša Bodrožić, Ivana Meštrov), Marco Trulli e Claudio Zecchi - a seguire l’ideazione e la realizzazione di un progetto  ad hoc con cui gli artisti, chiamati a rispondere attraverso la partecipazione ad un bando internazionale - tutti rigorosamente under 35 e provenienti da Europa, Medio Oriente e Nord Africa - si sono dovuti  confrontare.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 04 Luglio 2013 15:44
Luigi Ghirri, PENSARE PER IMMAGINI - Roma, MAXXI Architettura - fino al 27.10.2013
ARTE
Martedì 28 Maggio 2013 10:31, Scritto da Fabiola

MOMENTO DI ATTIVAZIONE DEI CIRCUITI DELL’ATTENZIONE[1]

Luigi Ghirri, Pensare per Immagini - Roma, MAXXI Architettura - fino al 27.10.2013

di Giorgia Noto

 

Read morePensare per immagini è la mostra - a cura di Francesca Fabiani, Laura Gasparini e Giuliano Sergio - organizzata dal MAXXI Architettura, diretto da Margherita Guccione, in corso fino al 27 ottobre.

 

Restituisce, attraverso una narrazione tematica scandita mediante tre profili - Icone, Paesaggi e Architetture - la complessità e l’eclettismo di Luigi Ghirri, uno dei protagonisti del prossimo Padiglione Italia alla Biennale di Venezia, avviando un percorso denso e rispettoso delle volontà e dell’essenza di Ghirri, che era solito organizzare le sue fotografie per serie, così da potere conferire alle stesse nuovi e diversi significati al momento di un successivo riutilizzo.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 28 Maggio 2013 16:08
EXTRA LARGE - Roma, MACRO Testaccio - fino al 5.05.2013
ARTE
Mercoledì 10 Aprile 2013 11:15, Scritto da Fabiola

GRANDE TITOLO, LARGHE DISATTESE

Extra Large - Roma, MACRO Testaccio - fino al 5.05.2013

di Giorgia Noto

 

Read moreIngombrante nel dirlo e nel pensarlo, Extra Large è il titolo della mostra in corso al MACRO Testaccio.

 

Nei due ampi padiglioni dell’ex Mattatoio, prende corpo una selezione di opere pescate all’interno di quella rete che collega il museo ed alcune delle collezioni italiane più importanti.

 

L’intento è stringente, come fosse già visibile in queste due parole: Extra Large, che, fuorvianti, prefigurano tutta una serie di aspettative che vengono in larga parte disattese.

 

Ultimo aggiornamento Sabato 13 Aprile 2013 09:34
Arte contemporanea permanente in facoltà: LAURA PALMIERI, Università della Tuscia + Kyo Art Gallery, Viterbo
ARTE
Giovedì 19 Maggio 2011 12:26, Scritto da Fabiola

EPPUR SI (S)MUOVE

Arte contemporanea permanente in facoltà

Laura Palmieri, Appunti inutili e altri animali – Kyo Art Gallery, Viterbo – dal 13 al 29 Maggio 2011

di Giorgia Noto

 

Read moreIn questi giorni, a Viterbo, si è creato un discreto fermento attorno al posizionamento presso Valle Faul del gigante di Seward Johnson, Awakening. Gli operatori dell’arte contemporanea hanno alzato la testa per reclamare la mancata considerazione ricevuta, a parer loro, dall’amministrazione comunale che ha svolto tutto autonomamente, senza interpellare nessuno.

Ora: non voglio aggiungere, in realtà, opinioni o pareri su questo evento, ma semplicemente estrapolare il concetto, che da anni affligge gli addetti ai lavori, della latitante adesione dell’arte contemporanea nel territorio viterbese, e alzare la testa - o meglio, accendere un riflettore - sul meraviglioso progetto che ha riguardato, in questi mesi, la sede della Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali, voluto dalle docenti Patrizia Mania e Elisabetta Cristallini che, con Artisti per la facoltà, hanno mosso (e smosso) due aspetti importanti. Uno di riqualificazione dello spazio urbano, in questo caso dell’anonimo ateneo, e uno, a mio avviso, di adesione dell’arte contemporanea nel territorio viterbese così (forse apparentemente?) ostico alla materia.

Ultimo aggiornamento Giovedì 19 Maggio 2011 13:04
Fernanda Veron, A DREAM OF THE UNKNOWN – a cura di Micol di Veroli - Napoli, Galleria Overfoto – fino al 21.05.2011
ARTE
Martedì 05 Aprile 2011 12:51, Scritto da Fabiola

IL RICORDO COME ESPERIENZA VISIVA

Fernanda Veron, A DREAM OF THE UNKNOWN – a cura di Micol di Veroli

Napoli, Galleria Overfoto – fino al 21 Maggio 2011

di Giorgia Noto

 

Read moreC’è qualcosa di assolutamente sospeso ed etereo, nelle immagini di Fernanda Veron. C’è qualcosa che attrae e al contempo disturba l’occhio. È la capacità, da parte dell’artista, di condurre in un’altra dimensione, lontano da tutto, dal reale. Eppure, non c’è nulla di anormale nelle sue figurazioni. Non c’è nulla di alieno o di irriconoscibile. Sono oggetti comuni, e soggetti incrociati nella quotidianità. Ciò nonostante evadi. Non esisti più. Cammini, perdendoti, in questo sentiero tortuoso, fatto di immagini e di sensazioni incorporee, ma palpabili.

È un percorso mnemonico, la serie Le Sale di Los. È un percorso onirico, la serie Nigredo IR/9. È un viaggio dentro l’ignoto questa nuova personale di Fernanda Veron, A dream of the Unknown.

Esperienze personali, dense, ataviche, a costituire il significante dove l’artista ritorna, prende e trasforma questa materia in fotografie psichiche. Le opere di Fernanda sono la resa in pixel della consapevolezza e del riconoscimento interiore in spazi e in tempi lontani, appena trascorsi o immediati.

Ultimo aggiornamento Sabato 09 Aprile 2011 11:35