venerdì 22 agosto 2014  
HOME | ARCHITETTURA | I TETTI DI PARIGI, di Laura Collinoli
I TETTI DI PARIGI, di Laura Collinoli PDF
Mercoledì 16 Marzo 2011 12:16

I TETTI DI PARIGI

di Laura Collinoli


Tetti Saint-Germain, ParigiSono i tetti ad incantare di più. Già, i tetti. Tutti uguali, precisi, ordinati. Come se qualcuno si fosse messo lì, con squadretta e righello, a disegnarne tutti i particolari, ogni dettaglio. Tetti ed abbaini, comignoli e tubi, scale e scalette, con le finestre che ne scrutano altre e tu che immagini, dietro quei vetri, storie diverse e tutte da raccontare.
I tetti di Parigi, meravigliosa Parigi. Città degli innamorati, degli artisti, dei pittori, di chi suona, di chi ha voglia di cantare, di chi ama ciò che è più bello e aggraziato. Di chi sta lì, semplicemente lì. A respirare quell'atmosfera che è sintesi perfetta di storia e mondo che cambia, di tradizione e rinnovamento, di usanze e consuetudini che spesso sconfinano nel mito, in quelle storie che improvvisamente, e tu neanche te ne accorgi, diventano leggenda.


metro, Parigi

Non scatta subito, la scintilla con la Ville Lumière. Non è un colpo di fulmine. Certo è splendida. Con le sue chiese, i suoi monumenti, le sue opere d'arte, i suoi parchi perfettamente curati, dove ogni giardino è speculare all'altro, ogni aiuola disegnata col pennello. E poi i palazzi, così eleganti che si finisce sempre col naso all'insù, quasi a volerne fotografare ogni mattone, qualsiasi delizioso balcone, tutte le ringhiere.

Il colpo di fulmine, quello vero, autentico, reale, che fa girare la testa agli innamorati, arriva quando si sdogana la Parigi turistica e si incontra quella delle persone.


 

È la Parigi dei mille bistrots, dei café letterari, delle  stradine del Marais o di Montmartre. Dei vicoli di Saint Germain, del lungo Senna.

cafe Parigicafe di Parigi

È la Parigi degli Champs Elisées illuminati di notte, per cui è impossibile non fermarsi, almeno un attimo, e cercare quell'istantanea che rimarrà per sempre impressa dentro di te.


lungosennaGerstein amava dire come l'America fosse il suo Paese, e Parigi la sua città. Forse perché qui la vita è davvero tutta rosa, anche se spesso il cielo è grigio. Anche quando il freddo ti punge il volto e non vedi l'ora di osservarla dall'altra parte dei vetri. Da dietro le tende, quasi a volerla spiare. A capire, fino in fondo, cosa si nasconda nella sua storia, e ciò che appare invece nel presente. A fotografare come tutto si mescoli, dagli stili alle culture, dai popoli ai secoli, anche se nell'anima resta uguale a se stessa, in un misto di piacere ed eleganza, frenesia e rilassatezza.

Somiglia quasi ad un grande palcoscenico, dove ogni giorno va in scena lo spettacolo dell'arte e quello della moda, dove è bello scrutare la meraviglia della cultura e scoprire i tanti mondi differenti che qui convivono come in pochi altri posti.


rue des rosiers-marais, parigiIl foyer è la strada, sono le piazze, i vicoli, i giardini, i boschi che circondano la città. Nessuno ha una parte da recitare, ma tutti sono dentro lo spettacolo. Basta saperlo osservare, scrutare, apprezzare, amare fino in fondo. E pazienza se gli attori non sono tutti da Oscar. Se a molti, a fregarli, è ciò che da queste parti chiamano grandeur. Alla fine è solo un'aspirazione...

Si sa, dalla Gioconda a Carlà, il meglio i parigini lo hanno sempre preso in prestito dall'Italia.


condividi le tue IDEE
lascia un COMMENTO

avatar Nquadro
+2
 
 
Che voglia di ritornare....
complimenti Laura, articolo bellissimo
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
avatar Annarita Alviani
+1
 
 
La prima volta che andai a Parigi avevo 14 anni appena compiuti , io son nata il 5 luglio, ed arrivai a Parigi dopo un lunghissimo viaggio in macchina . Allora gli aerei li prendevano soltanto gli americani , noi europei viaggiavamo in macchina. Arrivammo una mattina in cui pioveva e fu subito Louvre. Poi in giro tutto il giorno e la sera per tornare in albergo facemmo giri immensi..e io scoprii i tetti di Parigi perché non avevo l'obbligo di cercare la strada ma solo di seguire i grandi e li seguii con il naso per aria guardando i tetti..così belli con quegli abbaini..Non li avevo mai visti...e fu amore con i tetti e con Parigi...
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Inserisci commento
Annulla
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome
Mail (non sarà pubblicata)
Codice   
Invia Commento


Condividi
 
haute_vision
box_concorsi

Nome
Email
box_hotnews
VARIE_Milano in panico: si respira VARIE_Milano in panico: si respira
 
Giovedì 26 Gennaio 2012 17:19
BOOK_Maurizio Cattelan - All BOOK_Maurizio Cattelan - All
Domenica 22 Gennaio 2012 22:59
VARIE_Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei
Lunedì 09 Gennaio 2012 14:14
BOOK_Favole al Telefono BOOK_Favole al Telefono
Lunedì 09 Gennaio 2012 13:39
VARIE_Se Steve Jobs fosse nato a Napoli
Domenica 08 Gennaio 2012 18:23
ARTE_Il futuro dell'arte e' donna ARTE_Il futuro dell'arte e' donna
Domenica 08 Gennaio 2012 17:02
ARTE_Come ti attiro il Mecenate ARTE_Come ti attiro il Mecenate
Domenica 08 Gennaio 2012 16:12
INTERVISTE_Being Yoko Ono INTERVISTE_Being Yoko Ono
Sabato 29 Gennaio 2011 16:02
INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion INTERVISTE_Marina Abramovic in intellectual fashion
 
Martedì 25 Gennaio 2011 18:04
MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada MODA_Minimal Baroque Sunglasses di Prada
 
Martedì 25 Gennaio 2011 15:06

Sky Arte updates: alla scoperta di Parigi, tra viaggiatori d’eccezione e maestri della pittura. Senza farsi mancare una scappata al Moulin Rouge…

La città più affascinante del mondo? Difficile fare un nome[…]

Lazio, un borgo medievale invaso dall’arte contemporanea. A Maranola parte la terza edizione di Seminaria: un chilometro d’arte da percorrere “Alla riversa”

Maranola Un borgo medievale, da attraversare dopo il crepuscolo, lungo[…]

Creazione contemporanea e riqualificazione del territorio. L’esempio Ruhr Triennale

Ruhr Triennale, foto Gabriele Molfetta Una triennale ogni tre anni,[…]

Una sitcom da museo

La collezione permanente dello Smithsonian Institution di Washington decreta ufficialmente[…]

Il Gattopardo in 300 scatti

Ciminna, paesino alle porte di Palermo, rievoca i giorni in[…]

Spettacolo di luci all'Ara Pacis per il bimillenario della morte di Augusto

Lunghe file ieri sera per poter assistere all'Ara Pacis, allo[…]

Mausoleo di Augusto: appalto entro l’anno

Il bimillenario della morte di Augusto, celebrato a Roma con[…]

SCENTS, MAGIC & WONDERS: THE LIQUID TALES BY MEO FUSCIUNI AT THE SALINA CAPOFARO MALVASIA & RESORT

installation by Meo Fusciuni, photo courtesy Meo Fusciuni The poetry[…]